Pancia gonfia? Attenzione alla pizza. E non solo a quella…

Pubblicato il 17 giugno 2015 18.00 | Ultimo aggiornamento: 17 giugno 2015 16.39

Tags:

di redazione Ladyblitz
 
Pancia gonfia? Attenzione alla pizza. E non solo a quella...

R OMA – Pancia sempre gonfia? Non siete i soli. Questo malessere colpisce un italiano su cinque, circa dodici milioni di persone. E nei casi più gravi arriva persino a comprometterne la qualità di vita. Eppure per risolverlo basta seguire una dieta che esclude i cibi che fermentano troppo nell’organismo. Tra questi, purtroppo, ci sono anche pane e pizza.

Colpa dei lieviti usati e soprattutto del modo in cui vengono lievitati questi impasti. Oltre ai prodotti lievitati, però, bisogna fare attenzione anche ai legumi e ad alcune verdure (come carciofi, cavolfiore e broccoli), alcuni frutti (in particolare cachi e anguria, ma anche pere e mango).

Per quanto riguarda la pizza, se proprio ne avete voglia il consiglio è di farla in casa: solo in questo modo, infatti, potrete essere sicuri che si siano seguite le giuste regole che permettono che non vi continui a lievitare nella pancia.

Per fare una pizza ci vogliono un litro d’acqua, 1,7 chili di farina, mezzo grammo di sale e 2 grammi di lievito. L’impasto deve lievitare almeno otto ore a temperatura costante: va fatto riposare in una ciotola coperta da un panno. Più la si lascia e meglio è.

Per quanto riguarda gli altri cibi, poi, ecco qualche consiglio utile:

  1. Scegliere tra i cereali, il farro e i prodotti senza glutine
  2. Preferire i formaggi duri e stagionati, e il latte delattosato, di soia o di riso
  3. Mettere nel piatto sempre la frutta e in particolare la banana, il mirtillo, il pompelmo, il kiwi, il mandarino, il limone, l’arancia, l’uva, il lampone, la fragola
  4. Spazio alla verdura, in particolare a sedano, peperoni, melanzane, lattuga, fagiolini e zucca
  5. Mangiare il pomodoro ricco di licopene
  6. Come dolcificanti preferire saccarosio, glucosio, sciroppo d’acero e dolcificanti che non terminano in ‘-olo’. Meglio limitare miele, fruttosio e sciroppo di mais, sorbitolo, mannitolo, xilitolo.
  7. Tra i latticini meglio evitare i formaggi morbidi e freschi (come la ricotta).
  8. Tra le verdure meglio limitare carciofi, asparagi, barbabietole, cavolini di Bruxelles, broccoli, cavolo, cavolfiore, finocchio, aglio, scalogno, funghi, piselli. Tra i legumi ceci, lenticchie, fagioli, fave.