Dieta antinfiammatoria: cibi sì e cibi no

Pubblicato il 3 febbraio 2016 11.00 | Ultimo aggiornamento: 2 febbraio 2016 12.34

Tags:

 
Dieta antinfiammatoria: cibi sì e cibi no

R OMA – Dieta antinfiammatoria, dimagrire facendosi del bene, calmando le irritazioni del nostro organismo: è l’idea alla base di questo tipo di alimentazione.

 

Secondo la nutrizionista del Whole Health Nutrition Karen Lamphere, infatti, la maggior parte delle malattie è provocata da infiammazioni. Questo discorso vale per patologie come artrite, malattie infiammatorie intestinali, asma, allergie, malattie cardiache, cancro, morbo di Alzheimer e diabete.

Quasi tutti questi disturbi, o vere e proprie malattie, possono essere migliorati o peggiorati a seconda dell’alimentazione che si segue, come sottolinea la rivista Elle. 

Ecco allora che una dieta che contrasta le infiammazioni può essere d’aiuto non solo per la linea, ma anche per la salute. Ma di che cosa si tratta? Lo spiega Elle:

La dieta antinfiammatoria è composta da alimenti sani non trasformati. Lo scopo di mangiare alimenti antinfiammatori, rimuovendo alimenti non naturali, è proprio quella di calmare l’infiammazione nel corpo in modo da prendere in anticipo lo sviluppo di malattie croniche e di ripulire il corpo dalle “schifezze” che si accumulano. ll corpo ne riceve giovamento, si sgonfia e perde il grasso in eccesso e quindi si dimagrisce in modo regolare”.

Vediamo allora che cosa si intende per alimenti sani:

  • GRASSI ANTINFIAMMATORI: tra questi ci sono i cibi che contengono acidi grassi omega 3, come il salmone selvaggio, le sardine, le aringhe, le acciughe, gli sgombri, i semi di canapa, di lino, girasole e la frutta secca, ma anche olio extravergine di oliva.
  • FRUTTA E VERDURA: gli ortaggi che hanno maggiori proprietà antinfiammatorie sono aglio, cipolla, peperoni, spinaci e le altre verdure a foglia verde, erbe e spezie (in particolare la curcuma e lo zenzero), e tè verde, ma anche il peperoncino.
  •   PROTEINE: le proteine migliori in questo caso sono quelle meno grasse, meglio se presenti in carni allevate biologicamente e non trattate.

Ci sono poi degli alimenti che andrebbero evitati:

  • CIBI FRITTI: soprattutto no all’olio di girasole, di mais, di soia e di arachidi.
  • CARBOIDRATI RAFFINATI: sono altamente infiammatori.
  • LATTICINI.