Mastazzola, dolci calabresi dalle origini antichissime

Pubblicato il 19 novembre 2015 05.00 | Ultimo aggiornamento: 8 gennaio 2016 01.48

Tags: ,

 
Mastazzola, dolci calabresi dalle origini antichissime

R oma – Mastazzola, dolci calabresi dalle origini antichissime.

Oggi andiamo in Calabria con una ricetta tipica di questa meravigliosa terra: i Mastazzola.
Ce li propone Maria Antonella Calopresti, calabrese doc e amministratrice del gruppo Facebook  “Quelli che non solo dolci” .

IMastazzola” sono dei biscotti tipici della zone di Soriano Calabro e Serra San Bruno. Il dolce ha origini antichissime, è un intreccio tra storia e leggenda tramandata negli anni da padre in figlio nel corso delle generazioni. La leggenda ne assegna la diffusione ad un monaco misterioso, apparso all’improvviso e sparito nel nulla, che li avrebbe offerti generosamente ad una popolazione contadina e povera come quella di Soriano. Per la storia, invece, l’introduzione dei mostaccioli si attribuisce ai monaci certosini del centro di S. Stefano in Bosco vicino Serra S. Bruno. Poi ai Domenicani del convento appunto di S. Domenico, sorto nel 1510, che hanno insegnato e sostenuto tra gli artigiani locali l’arte pasticcera, fiorente tra il 600 ed il 700, infatti tante sono di svariate forme riprodotte dai cosiddetti “mastazzolari”, che lavorano con le mani un comune impasto. Le idee che poi vengono trasformate in immagini fantastiche, espressione di vita quotidiana, di oggetti comuni, di leggende, sono simboli del fluire del tempo, della superstizione, di miti di ricorrenze e di culto. Forme libere, gruppi di animali, figure umane, e religiose.

Una collezione delle forme classiche di questi speciali biscotti è raccolta presso il Museo di Palmi e il Museo Nazionale delle arti e mestieri di Roma. In ogni caso incerta è l’origine dei mostaccioli, forse araba, anche se il nome deriva dal latino “mustacea”, antica focacceria nuziale, o forse magno -greca. Insomma questi fantastici biscotti sono presenti in tutte le fiere e le sagre della Calabria, arrivano anche in Basilicata, Campania, Sicilia, in Nord Italia, all’estero, e ovunque risiedono emigrati profondamente legati alla propria terra, ai riti, alle feste patronali, al gusto e al fascino, che con il loro profumo e il loro essere possono trasmettere anche a notevole distanza.

Si tratta di biscotti duri fatti con farina e miele, (ed in alcune versioni, anche mosto di vino caldo), aventi forme svariatissime e decorati con carta stagnola vivacemente colorata. Le forme più prodotte sono il pesce, il paniere, il cavallo, la donna, il cuore, la esse barocca e sono decorati da strisce di carta stagnola colorata al rosso, verde ed argento. Le forme di colore nero ( tipo il “cavallo di San Francesco” ), si ottengono per bruciatura dello zucchero sul fuoco con pochissima acqua.

 

Tempo di realizzazione.
1 ora e 30 minuti + riposo notturno impasto.

Ingredienti.
500 g di farina debole.
250 g di miele di castagno.
250 g di mandorle.
la punta di un cucchiaino di bicarbonato.
8 g di baking (lievito in polvere per dolci).
2 chiodi di garofano macinati.
1 g di cannella.

Procedimento.
Impastare farina, miele, baking, bicarbonato, chiodi di garofano e cannella fino ad ottenere un impasto omogeneo aggiungendo, se occorre, altro miele. Incorporare le mandorle; appallottolare il panetto e mettere a riposare in una ciotola coperto da un panno per tutta la notte.
Fatto ciò, formare un panetto lungo 40 cm , largo 20 cm , alto 2 cm.
Cuocere a 190°C per circa 30 minuti o più a seconda del forno.
Una volta tiepido, affettare ad uno spessore di 2 cm e lasciar raffreddare.
Se si vuole la versione morbida non occorre far altro. Se, invece, si vuole quella croccante, rimettere in forno ancora 5 minuti per parte.

 

Per saperne di più sul gruppo “Quelli che non solo dolci” clicca qui.

Se vuoi diventare anche tu un membro del gruppo clicca qui.

 

Chi è Maria Antonella Calopresti.

Mi chiamo Maria Antonella, sono di Marina di Nicotera (VV) dove ho studiato e vissuto fino al 2000. Successivamente mi sono trasferita nella città di Saronno (VA) insieme ai miei figli ed ho insegnato fino al 2014. Dal 2014 vivo e lavoro a Roma.
Diverse passioni arricchiscono la mia vita: la politica, la poesia, la scritturae la cucina. E proprio grazie a quest’ultima mia passione, insieme a Marco Spetti, ho creato e amministro un gruppo fb che conta più di 12.000 utenti: “Quelli che non solo dolci”.
Per il gruppo spesso organizzo corsi con esperti per dare la possibilità, a chi ne fa parte, di accrescere le proprie conoscenze e di tenersi aggiornato su tecniche, prodotti, etc.
Inoltre ho scritto un libro con una selezione di ricette del gruppo che si intitola appunto “Quelli che non solo dolci” il cui ricavato è stato devoluto all’Associazione Macibombo   .

Altre ricette di Maria Antonella presenti su Ladyblitz:

Cornucopia croccante e Pignolata

Mastazzola, dolci calabresi dalle origini antichissime

Maria Antonella Calopresti