Raffaella Carrà vita privata, età, ex compagni…FOTO

Pubblicato il 24 febbraio 2016 20.30 | Ultimo aggiornamento: 24 febbraio 2016 16.14

Tags:

 
The Voice, Raffaella Carrà: "Per vincitore vorrei Sanremo"

Raffaella Carrà vita privata, età, ex compagni. Raffaella Carrà, nome d’arte di Raffaella Maria Roberta Pelloni, 72 anni, è nata il 18 giugno 1943 Bologna. Non si è mai unita in matrimonio, è stata sentimentalmente legata a Gianni Boncompagni prima e Sergio Japino poi. Ha adottato diversi bambini a distanza, sparsi in più continenti. A partire dal 24 febbraio 2016 torna come coach nel programma di Rai Due The Voice of Italy affiancata da Emis Killa, Max Pezzali e Dolcenera. Rispetto alla sua vita sentimentale, nel corso di un’intervista con il Corriere della Sera del febbraio 2014, Raffaella Carrà ha affermato:

“Sono felicemente single, sto benissimo, sono sempre coi miei ex mariti». Ovvero i due grandi amori della sua vita: Gianni Boncompagni e Sergio Japino. Entrambi ancora oggi grandissimi amici. Forse per lei, amore più che con matrimonio fa rima con sodalizio artistico? «Mia madre voleva io sposassi un medico o un architetto, ma che gli raccontavo? Con loro invece c’è stato lo stesso linguaggio. Con Gianni il rapporto è stato un po’ paterno: io sono figlia di separati e mi è mancato il padre che non si è mai occupato di me e mio fratello. Mia madre, donna coraggiosa, è stata una delle prime a Bologna a separarsi. Dunque io avevo bisogno di un rapporto con un uomo grande, sicuro, perché gli uomini mi davano poca fiducia. Con noi in casa c’erano le tre bimbe di Gianni: io non mi sono mai sostituita alla loro mamma, ma sono stata per loro un’amica e una confidente. Ancora oggi è così. Con Sergio c’è stato un rapporto diverso: lui è più giovane di me (deci anni meno), capiva e amava le stesse cose mie. Del resto io da bambina volevo fare la coreografa, che è il suo mestiere. C’era un rapporto più giocoso, scherzoso, che poi è diventato amore, e poi per scelte diverse è finito. Ma siamo in ottimi rapporti perché il bene non muore mai”.