Alessia Marcuzzi bocciata dal Vaticano? La sua verità

Pubblicato il 21 aprile 2016 14.43 | Ultimo aggiornamento: 21 aprile 2016 14.43

Tags:

 
Alessia Marcuzzi bocciata dal Vaticano? La sua verità

Alessia Marcuzzi bocciata dal Vaticano per il Giubileo dei ragazzi? Questa la notizia che era circolata in rete lo scorso marzo, secondo la quale la conduttrice era stata depennata dal cast degli artisti che si esibiranno il 23 aprile allo stadio Olimpico di Roma su invito dall’Ufficio della Pastorale Giovanile della Cei (Conferenza episcopale italiana). Come aveva scritto Repubblica:

A mettere fuori gioco la Marcuzzi, il giudizio negativo che in Vaticano, a cominciare da alcuni collaboratori di Bergoglio, è stato dato proprio sull’Isola dei Famosi, un programma giudicato «per contenuti, immagini e atteggiamenti provocatori dei protagonisti » non «adatto» a i 70mila giovani che interverranno alla kermesse cattolica. «Giusto metterla fuori perché conduce programmi, come appunto l’Isola dei Famosi, trasgressivi e futili, una artista non opportuna per una festa giubilare », specifica l’arcivescovo Gianfranco Girotti, moralista, Reggente emerito della Penitenzeria Apostolica, il dicastero vaticano sui grandi peccati. «Con tutto il rispetto per la signora Marcuzzi, con lei all’Olimpico sarebbe arrivato un messaggio negativo e confuso ai giovani», aggiunge Girotti, che critica anche «il modo con cui si presenta in tv, scollacciato e trasgressivo».

Nel corso di un’intervista al settimanale Grazia, Alessia Marcuzzi ha raccontato la sua verità, spiegando come sono andate realmente le cose. La sua verità è ben diversa da quanto era stato spiegato dai media. Ecco le parole della conduttrice:

“Sa che cosa mi è dispiaciuto? Che la verità è un’altra e nessuno l’ha scritta. In realtà quel no grazie l’avevo purtroppo dovuto dire io. Perché gli impegni legati all’Isola mi impedivano di accettare l’invito che mi era stato fatto di condurre il Giubileo dei Ragazzi. l’avrei fatto molto volentieri perché era un bellissimo progetto, ma non potevo e dunque ho declinato l’invito. Mi hanno risposto ringraziandomi per la tempestiva comunicazione”. Da dove era arrivata la notizia? “Non lo so e non mi interessa saperlo”.