Categorie
video

Capodanno, cosa fare? Il video parodia sull’ossessione da festa

ROMA – “Cosa fai a Capodanno?”: questa è una di quelle frasi in grado di terrorizzare chiunque non abbia pianificato ancora la sua ultima sera dell’anno a ridosso del 31 dicembre. Un video pubblicato su YouTube ironizza sulla dilagante psicosi da festa giusta la notte di Capodanno. Si chiama “The last day of december” e mostra il panico in cui cade un giovane, Marco, quando il 27 dicembre la sua fidanzata gli fa presente il fatto che lui ancora non ha trovato un posto in cui trascorrere la notte di San Silvestro.

Il soggetto e la sceneggiatura muovono dalla voglia di affrontare, in modo ironico e sarcastico, il tema “drammatico” che ogni anno assilla tutti, indistintamente: cosa fare a Capodanno? Due gli obiettivi: da un lato dare forma artistica a una sceneggiatura che aspira a intrattenere il pubblico, strappandogli un sorriso ma spingendolo a riflettere sui perché di una vita vissuta in maniera affannata, pronta ad andare in frantumi per un futile problema come può essere, appunto, l’organizzazione del Capodanno

L’idea del trailer – di un film che però non uscirà mai nelle sale – è venuta a Salvatore Migliore, direttore editoriale del quotidiano digitale OpenMag fondato nel 2013 e che conta oggi 320.000 lettori. Il soggetto è stato presentato alla Mirelatives Pictures, società di produzione cinematografica costituita, sempre nel 2013, da Tommaso Arnaldi. Il quale, in poco tempo, ha buttato giù la sceneggiatura del video. Sceneggiatura che è stata poi proposta a Giuseppe Francesco Maione, regista di soli 21 anni. A sostegno dell’iniziativa si è offerta anche la i2M Factory di Giovanni Stracquadaneo.

Il trailer è stato girato in soli due giorni e ha visto la partecipazione di una star d’eccezione: Carlotta Tesconi, già protagonista di diverse serie TV girate per la RAI e Mediaset, tra cui spiccano “Raccontami” e “I liceali 3”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.