Categorie
tendenze

Come nasce la moda dei nomi? Ecco i più popolari in Usa dal 1960 a oggi

NEW YORK – I nomi più popolari dati alle bambine dagli anni ’60 a oggi negli Stati Uniti. Li raccoglie il sito Jezebel.com che mostra, sulla base dei dati della Social Security Administration, i nomi più popolari dati alle bambine in America.

Ci saranno sempre coppie che daranno nomi singolari e inconsueti ma, la realtà evidenziata dal sito, è che ci sono alcuni nomi che negli anni sono stati preferiti ad altri. Così, in base anche alle mode del momento, ecco che i nomi più popolari cambiano di anno in anno dal 1960 al 2012.

Come si nota dalla mappa, il tipo di nome dato ai bambini generalmente segue un ciclo piuttosto costante: la moda di un nome “nasce” in una regione degli Stati Uniti -come Ashle nel sud ed Emily nel nordest- si espande velocemente in tutto il paese o quasi e poi passa di moda in maniera altrettanto veloce.

Unica grande eccezione è il nome “Jennifer” che, come evidenzia la mappa, domina l’America per più di un intero decennio tra gli anni ’70 e gli anni ’80.

Altra particolarità si evidenzia nell’ultimo decennio. Sembra che il periodo di crisi degli ultimi anni abbia messo un freno ai nomi “originali” e crativi come Addison, Ava o Madison. Tra il 2007 e il 2012 nella mappa si notano solo 5 nomi, e nella maggior parte dei casi sono nomi tradizionali come “Sophia” o “Emma“. Nostalgia per i tempi più… semplici?

Per vedere la mappa al completo, che evidenzia negli anni il cambiamento dei nomi, CLICCARE QUI

 

1 risposta su “Come nasce la moda dei nomi? Ecco i più popolari in Usa dal 1960 a oggi”

Ma belin manca “senza offesa” Bernarda ..chissà perché..comunque i nomi antichi sono sempre in qualche modo presenti e certi cognomi poi esportati in America sono qui divenuti nomi americanizzandoli cosa che vale anche per certa stoffa blu Genova nome poi americanizzato in Jeans..usato anche come nome.
Morando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.