Venus e Serena Williams si raccontano al New York Times Magazine

Serena e Venus Williams sulla cover del New York Time magazine

NEW YORK – “Crederci ed allenarsi” questo è il segreto del successo spiegato da Venus Williams nell’intervista rilasciata nell’ultimo numero del “The New York Times Magazine” in cui compare con la sorella anche sulla copertina: entrambe le star del tennis sembrano crogiolarsi nella soddisfazione per le medaglie olimpiche vinte.

Ancora raggiante per aver vinto l’oro in coppia con la sorella nel doppio femminile, Serena Williams ha ottenuto in più durante i Giochi il riconoscimento di essere la seconda donna nella storia del tennis a vincere un Slam d’oro della carriera, che significa vincere ogni torneo del Grande Slam e la medaglia d’oro olimpica nel corso della carriera.


Oltre a mostrare i loro corpi incredibilmente fit delineati con muscoli che denotano la loro potenza, l’articolo del Times rivela la loro ascesa da un’infanzia oscura a Compton (California), attraverso la guida entusiasta del loro padre, Richard Williams, e le difficoltà che hanno incontrato ad affermarsi anche per il fatto di essere donne nere in uno sport come il tennis dove dominano i bianchi.

Nel raccontare il colpo migliore della sua carriera, Venus dice : “Ho fatto un gioco che normalmente non faccio. Qualcosa si è mosso nel mio corpo, non ricordo di aver mosso io qualcosa, so solo che è partito il colpo. Normalmente dato che ho la mano grande, la volée di rovescio la faccio con una mano sola, e invece ho colpito incredibilmente a due mani! Io non so cosa sia successo. Quando è successo era come guardarmi dall’alto e io sento che questo è stato il miglior colpo di tutta la mia vita. ”

Serena ricorda di aver dovuto affrontare insulti razzisti al Indian Wells Masters (California) che vinse nel 2001, e la sua decisione di boicottare l’evento da allora in poi.

“Non mi piace. Non ho bisogno di andare lì”, ha detto. “Ho pensato che persone come Martin Luther King hanno boicottato le cose. E questo evento non è niente rispetto a ciò che lui ha boicottato. Guarda Muhammad Ali, non ha più gareggiato, è andato in prigione perché non voleva andare in guerra. Il minimo che posso fare io è manifestare per il mio popolo e non andare in posti come quelli. Questo è il minimo che possa fare. Non è nemmeno così difficile come decisione. Quando si svolge il torneo io mi prendo una vacanza di due settimane. È la più semplice decisione della mia carriera e non torno indietro.

Anche la madre è fiera del loro incredibile successo. “Ho riflettuto sul fatto che negli Stati Uniti, non ci sono molti giocatori che stanno facendo bene”, ha detto Oracene Price. “E poi ci sono queste due “vecchie” ragazze nere, ormai di una certa età, e hanno ancora in mano l’America. Questo per me è stato notevole.”

Venus e Serena Williams hanno sempre vinto dimostrando una grande capacità di resistenza, cosa rara nel mondo del tennis per i giocatori di qualsiasi razza. Secondo il Times sulla scia della loro gloria olimpica è proprio il momento di riconoscere alle sorelle Williams il merito di successi unici.

Potrebbero interessarti anche...