Categorie
Salute

Papilloma Virus, in Usa approvato vaccino anche per gli adulti

NEW YORK – Negli Stati Uniti l’Fda (Food and Drug Administration) ha approvato il vaccino per l’Hpv anche per l’utilizzo su persone, sia maschi che femmine, tra i 27 e i 45 anni.

Questa decisione, spiega il comunicato dell’agenzia, viene dai risultati di uno studio secondo cui l’immunizzazione può proteggere da lesioni precancerose e da tumori anche se somministrata negli adulti. Il vaccino per l’Hpv è fortemente raccomandato nei più giovani perché se si è esposti a un ceppo non si è più protetti da quella specifica infezione. La formulazione per cui è stato dato il via libera protegge da nove diversi ceppi, ed è quindi efficace verso tutti quelli con cui non ci si è infettati in precedenza.

La decisione di approvare l’estensione è venuta dopo i risultati di uno studio su 3200 donne seguite per tre anni e mezzo, che ha rivelato un’efficacia dell’88% nella prevenzione delle infezioni persistenti, delle lesioni genitali, delle lesioni precancerose vulvari e vaginali e dei tumori cervicali causati dall’Hpv.

“L’approvazione di oggi – commenta Peter Marks, direttore della valutazione dell’Fda – rappresenta una opportunità importante per prevenire le malattie e i tumori causati dal virus per un range di età più ampio”.

Il vaccino contro l’HPV è sicuro, non causa effetti collaterali gravi e protegge contro lesioni che possono portare al cancro. A sfatare falsi miti, alimentati in passato da una comunicazione di stampo non scientifico, è stata un’analisi che fornisce solide prove, in grado di rassicurare i genitori sull’utilità di immunizzare i propri figli teenager. A realizzarla è stato il gruppo Cochrane, noto network internazionale indipendente di ricercatori e operatori sanitari. In Italia viene offerto tra gli 11 e i 12 anni, ovvero prima che ragazzi e ragazze diventino sessualmente attivi.