Categorie
Salute

Se porti lo smartphone in bagno dovresti smettere subito: ne va della tua salute

ROMA – Se fai parte di quella categoria di persone che hanno come abitudine di portare lo smartphone in bagno, forse dovresti smettere subito. Un recente studio, infatti, ha dimostrato che questa brutta abitudine potrebbe fare davvero male alla nostra salute. Ormai sono poche le persone che riescono a non essere dipendenti dal proprio cellulare. Dopotutto, lo smartphone ci tiene compagnia sui mezzi pubblici, durante la pausa pranzo, ma anche a casa sdraiati sul divano. Ebbene, se siete tra coloro che portano il telefono anche in bagno, sarebbe bene cambiare abitudine.Charles Gerba, professore di microbiologia, e Kelly Reynolds, docente di salute ambientale, hanno infatti condotto uno studio che ha dimostrato come l’abitudine di portare lo smartphone in bagno non sia affatto salutare. Non per quanto riguarda radiazioni, agenti chimici o altro, piuttosto per un motivo di igiene. In bagno, dopotutto, ci si va per espletare dei bisogni corporei. E questi bisogni corporei finiscono sì all’interno del water. Ma un po’, anche sullo schermo del vostro smartphone. Schermo che poi voi mettete in faccia per parlare con le persone, con la bocca vicino al microfono. Che dire, sarebbe bene smettere.Quante volte, in fondo, vi trovare a igienizzare il vostro cellulare? Noi scommettiamo molto poco. I germi che si trovano all’interno dei bagni, come hanno dimostrato molti studi, si depositano sui muri, sulle maniglie, sugli specchi. Il bagno e i sanitari, però, vengono igienizzati e puliti spesso, al contrario degli smartphone a cui raramente viene riservato un trattamento di pulizia.

Ebbene, i ricercatori dell’Università dell’Arizona che hanno condotto questa ricerca hanno dichiarato che basta lo scarico dello sciacquone per contaminare il telefono. E questi germi vanno poi a spasso per le vostre mani, la vostra faccia, i vostri capelli. Ne risulta che, portare il telefono in bagno, potrebbe essere davvero poco salutare ed igienico. Non è forse meglio cambiare abitudine?