Categorie
Salute

Sangue artificiale dalle staminali: un aiuto contro la talassemia

EDIMBURGO – Sangue artificiale prodotto da cellule staminali: sembra essere questa la via del futuro. Una nuova era in campo di trasfusioni. La prima sperimentazione clinica per testarne su alcuni pazienti la sicurezza e l’efficacia dovrebbe partire nel 2016.

Lo studio clinico sarà finanziato dal Welcome Trust in Gran Bretagna con 5 milioni di sterline e sarà condotto da Marc Turner del Centro di Medicina Rigenerativa del Medical Research Council e Università di Edimburgo.

Turner ha spiegato di aver prodotto globuli rossi del gruppo O universale (il gruppo che va bene per tutti, ma che è molto raro da trovare tra i donatori) a partire da staminali umane cosiddette ‘indotte’, ovvero ottenute usando cellule adulte di partenza riprogrammate in staminali e poi ritrasformate in globuli rossi.

Nonostante ricerche simili siano state già condotte altrove è la prima volta che si riesce a creare sangue di qualità e standard di sicurezza appropriati per la trasfusione su pazienti. Per di più questo processo di creazione del sangue artificiale si adatta alla produzione su basta scala a costi compatibili con l’uso clinico.

L’idea è di iniziare i test entro la fine del 2016, al più tardi a inizio 2017, arruolando i principio tre pazienti con talassemia, che quindi devono continuamente fare trasfusioni. Il sangue è sicuro, e in ogni caso esistono procedure per rimuoverlo dal corpo del paziente in caso di effetti avversi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.