Pressione alta: l'alimento che, mangiato ogni giorno, aiuta a ridurla

pressione-alta-dieta-cibi

ROMA – Quando si scopre di avere la pressione alta, è molto importante agire su alimentazione e stile di vita per portare i valori entro la norma. La pressione alta, infatti, è un fattore di rischio che può portare a complicazioni gravi di salute come malattie cardiache, infarto o ictus. L’alimentazione gioca un ruolo chiave nella lotta all’ipertensione. Dieta sana povera di sodio e stile di vita attivo, come è noto, sono i nostri migliori alleati contro la pressione alta. Inoltre, in natura esistono alcuni alimenti che, più di altri, aiutano a ridurre l’ipertensione grazie alle loro proprietà benefiche. Alcune ricerche scientifiche suggeriscono che uno spuntino all’uvetta può aiutare a evitare il rischio di pressione alta.

Secondo una ricerca presentata all’American College of Cardiology’s 61st Annual Scientific Session, il consumo regolare di uva passa (tre volte al giorno) può ridurre significativamente la pre ipertensione, soprattutto se confrontato con il consumo di altri snack.

“Si afferma spesso come un fatto noto che l’uvetta abbassa la pressione sanguigna. Ma fino ad ora non eravamo riusciti a trovare molte prove oggettive nella letteratura medica a supporto di tale affermazione “, ha affermato Harold Bays, MD, direttore medico e presidente del Louisville Metabolic and Atherosclerosis Research Center (L-MARC) e ricercatore capo dello studio. “Ora, il nostro studio suggerisce che se si può fare una scelta tra mangiare uvetta o altri snack come cracker e biscotti con scaglie di cioccolato, sarebbe meglio scegliere l’uvetta, almeno per quanto riguarda la pressione sanguigna.”

Il dott. Bays e il suo team hanno condotto uno studio clinico controllato randomizzato per confrontare l’effetto del consumo di uvetta sulla pressione sanguigna rispetto ad altri snack. Lo studio è stato condotto su 46 uomini e donne affetti da ipertensione. Ai partecipanti sono stati assegnati in modo casuale degli snack composti da uvetta o altri snack commerciali preconfezionati che non contenevano uva passa, altra frutta o verdura ma avevano lo stesso numero di calorie. Gli snack dovevano essere assunti 3 volte al giorno per 12 settimane. Le analisi dei dati hanno scoperto che rispetto ad altri snack, l’uvetta ha ridotto significativamente la pressione arteriosa sistolica alle settimane 4, 8 e 12, da -4,8 a -7,2% o da -6,0 a -10,2 mmHg (valori di p <0,05). L’analisi all’interno del gruppo ha dimostrato che l’uvetta ha ridotto significativamente la pressione arteriosa diastolica media in tutte le visite di studio. Al contrario, gli spuntini preconfezionati (compresi cracker e biscotti) non hanno ridotto significativamente la pressione arteriosa sistolica o diastolica in qualsiasi visita di studio.  

Potrebbero interessarti anche...