Categorie
Salute

Gravidanza, con la dieta vegana rischio parto pretermine

Gravidanza, per le mamme che seguono una dieta vegana il rischio di un parto pretermine aumenta. Colpa della carenza di vitamina B12, presente negli alimenti di origine animali, che nei casi di dieta vegetariana o, soprattutto, vegana, va assunta attraverso degli integratori, almeno in gravidanza. Lo evidenzia una ricerca guidata da Tormod Rogne, dell’Akershus University Hospital, in Norvegia, pubblicata su American Journal of Epidemiology.

La ricerca ha monitorato oltre 11mila gravidanze in undici Paesi. E i ricercatori hanno rilevato che la carenza di questa vitamina è stata associata con un 21 per cento in più di rischio di parto prematuro.

Oltre a sottolineare come una carenza di vitamina B12 possa anche essere dovuta a malnutrizione e povertà, gli studiosi evidenziano differenze sostanziali di cui tenere conto tra vegani e vegetariani, dando anche alcuni consigli.

“I vegani non mangiano tutti gli alimenti di origine animale e possono quindi diventare carenti di vitamina B12 se non prendono integratori, spiega Vibeke Videm, della Norwegian University of Science and Technology, mentre questa stessa carenza non è comune nei vegetariani, che consumano latticini e uova, perché possono facilmente soddisfare le dosi raccomandate attraverso questi alimenti”.

Ma di quanti latticini c’è bisogno? Secondo Videm, una combinazione di 30 centilitri di latte e 50-75 grammi di formaggio (5-8 fette) vanno bene al di fuori della gravidanza. Il formaggio può essere sostituito con quattro cucchiai di ricotta. Ma in gestazione meglio aggiungere un bicchiere di latte, 3-4 fette extra di formaggio o una buona porzione di yogurt.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.