Cuore, meglio il caldo: freddo dell’inverno aumenta il rischio infarto

STOCCOLMA – Se in questi giorni di fine luglio, con l‘anticiclone Caronte che porta le temperature a 40 gradi, vi sentite soffocare, ecco almeno una buona notizia: il caldo fa bene al cuore. O meglio: il freddo fa male al cuore. Insomma, mettetela come volete, ma sono i mesi invernali, con le temperature più basse, quelli più a rischio infarto. 

Lo ha rivelato uno studio dello svedese Karolinska Institutet. E in quel Paese di freddo se ne intendono. D’inverno, hanno notato i ricercatori, c’è un incremento della mortalità a causa di malattie legate al cuore. Così hanno indagato, ed è arrivata la scoperta.

I ricercatori hanno osservato che il freddo attiva l’accumulo di grasso bruno che accelera la crescita delle placche aterosclerotiche nei vasi sanguigni, portando ad un aumento del rischio di mortalità cardiaca.

 

 

Potrebbero interessarti anche...