Categorie
Salute

Colesterolo alto, 4 tipi di cibi da escludere

Un italiano su 3 ha il colesterolo alto, problema non da poco considerando che quello ‘cattivo’ (Ldl) è il principale fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.

La dieta e lo sporto svolgono un ruolo fondamentale per abbassare i livelli cattivi e prevenirne l’innalzamento.

Non c’è un criterio unico su quando iniziare lo screening e il medico dovrebbe regolarsi sulla base del profilo di rischio individuale del paziente.

In generale è comunque importante fare un primo screening negli uomini intorno ai 40 anni e nelle donne intorno ai 50 o in post-menopausa.

Il controllo scende ai 35 anni nei maschi e a 45 anni nelle femmine nei soggetti con familiarità per ipercolesterolemia e/o eventi cardiovascolari in età giovanile.

Ma anche per i pazienti diabetici e con arteriopatia periferica, a prescindere dalla loro età.

I cibi da escludere nella dieta.

Per abbassare il livello di colesterolo nel sangue è fondamentale diminuire l’apporto di grassi saturi con la dieta.

E consigliabile evitare cibi di origine animale ricchi di grassi, quali carni grasse e frattaglie.

Escludere anche gli insaccati, così come i formaggi (alcuni tipi sono concessi, ecco quali), poi i condimenti animali (burro, strutto, lardo).

Le uova necessitano di un discorso a parte perché la questione è controversa.

Secondo quanto riferito sulla rivista JAMA mangiare 3-4 uova a settimana aumenta il rischio cardiovascolare dell’8% e il rischio di morte per ogni causa del 6%.

I ricercatori raccomandano di consumare uova con moderazione, pur senza escluderle dalla dieta perché fonti di altri nutrienti preziosi.

Ad assolvere il loro consumo moderato è stato un altro studio osservazionale pubblicato sul British Medical Journal.

Dalla ricerca è emerso che il consumo di uova, fino a uno al giorno, non ha effetti negativi sulla salute del cuore.

Come regolarsi? La risposta più giusta è quella di rivolgersi a uno specialista dell’alimentazione, che fornirà i giusti consigli in base al proprio caso specifico.