Aviaria, il nuovo ceppo del virus “invisibile al sistema immunitario”

PECHINO – Invisibile al sistema immunitario e contagioso anche tra i mammiferi: è il nuovo ceppo del virus dell’influenza aviaria H7N9. Le nuove, pericolose, caratteristiche sono state scoperte da una ricerca dell’Università di Tokyo e dell’Istituto giapponese per lo studio delle malattie infettive.

Il virus, scrivono gli esperti, ha ”caratteristiche tipiche dei virus influenzali che colpiscono i mammiferi, che potrebbero contribuire alla loro capacità di infettare gli esseri umani e aumentare così il suo potenziale pandemico”.

Chiamato H7N9/A/Shanghai/1/2013 e isolato il 31 marzo scorso nei Centri cinesi per il Controllo delle Malattie, il virus H7N9 è ”invisibile al sistema immunitario, proprio come gli aerei stealth sono progettati per sfuggire ai radar nemici”, spiegano gli esperti dell’azienda americana EpiVax, che ha studiato la struttura del virus con gli strumenti della bioinformatica.

A rendere il virus invisibile è una delle due proteine fondamentali comuni a tutti i virus influenzali, la emoagglutinina. La sua superficie non ha abbastanza elementi riconoscibili al sistema immunitario. Così il virus riesce a a trasmettersi più facilmente. Considerando questa capacità di sfuggire alle difese immunitarie, mettere a punto un vaccino potrebbe essere più difficile del previsto, così come i test per la diagnosi.

Potrebbero interessarti anche...