Categorie
psicologia

L’ottimismo aiuta nella vita: lo sanno anche i bambini

“Io penso positivo”, diceva una canzone in voga anni fa. E la lode del pensiero positivo arriva anche dalla scienza. L’ottimismo, dice uno studio condotto dalle Università americane di Jacksonville e della California, ha effetti positivi anche sugli altri, quasi come se fosse una medicina contagiosa.

In particolare i ricercatori hanno esaminato 90 bambini tra i 5 e i 10 anni. Ai piccoli venivano raccontate delle storie in cui i personaggi avevano reazioni positive, negative e ambigue.

Il risultato è stato che i bambini avevano una comprensione molto maggiore per l’influenza dei pensieri positivi sulla riuscita delle situazioni, mentre hanno capito che il pensiero negativo porta ad indebolire lo spirito e la stessa capacità di reagire e agire.

In poche parole, anche i bambini capiscono che l’ottimismo aiuta a risolvere i problemi e ad agire in modo più efficace. Per questo, sottolineano i ricercatori, è importante che gli stesso genitori siano ottimisti. Il più forte predittore di conoscenza dei bambini sui benefici del pensiero positivo, oltre all’età è l’ottimismo e la speranza dei genitori, e non direttamente del bambino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.