Essere “coraggiosi” nonostante tutto: il metodo Kintsugi