psicologia

Depressione post partum, la terapia on line può aiutare le madri

Depressione post partum, la terapia on line può aiutare le madri

Anche solo una sessione di terapia online di un giorno può aiutare a curare la depressione postpartum, come evidenzia uno studio condotto dagli scienziati della McMaster University.

I ricercatori hanno condotto i workshop online per 403 madri che ne soffrivano tra aprile e ottobre dello scorso anno, al culmine della pandemia.

L’autore principale Ryan Van Lieshout ha affermato che il 20% di tutte le madri soffre di PPD, ma solo una su dieci riceve un trattamento basato sull’evidenza.

“Abbiamo scoperto che i workshop hanno portato a riduzioni clinicamente significative della PPD e dell’ansia, nonché miglioramenti nel supporto sociale, nelle relazioni madre-bambino e nel temperamento infantile”, ha affermato Van Lieshout.

“Le donne che hanno partecipato al workshop avevano quattro volte più probabilità di sperimentare un miglioramento clinicamente significativo della depressione post partum rispetto a quelle randomizzate al gruppo di controllo”.

“Una madre su tre è stata colpita da depressione postpartum durante la pandemia e questa è la prima volta che qualcuno ha dimostrato che può essere trattato online in un solo giorno”.

Come si svolgeva la seduta di terapia per le neo mamme.

La terapia è stata portata avanti tramite Zoom e includevano esercizi di gruppo e giochi di ruolo.

Si è lavorato sui pensieri difficili  e le strategie per aiutare a cambiare i comportamenti al fine di migliorare umore e ansia.

“Speriamo che i responsabili politici prendano nota e considerino come questo potrebbe svolgere un ruolo importante nei modelli graduali di cura per la PPD”, ha affermato Van Lieshout.

Tra il 10 e il 15 per cento delle neo mamme in Italia soffre di depressione post partum nei primi tre mesi dalla nascita del loro figlio.

Una percentuale, questa, che si traduce tra le 50 e le 100mila donne ogni anno. Meno del 50% di chi è colpita da questo disturbo chiede aiuto e sostegno (Dati Kairos Donna 2018). Foto di Cindy Parks da Pixabay.