Anoressia: sottoprodotto di una cultura che premia la magrezza?