Meryl > Glenn: la sfida agli Oscar iniziò 30 anni fa

Glenn Close in "Albert Bobbs

LOS ANGELES – Continua la sfida a distanza iniziata 30 anni fa tra Meryl Streep, 62 anni, e Glenn Close, 64 anni. Sono loro, anche se sotto mentite spoglie, a sfidarsi la notte degli Oscar del prossimo 26 febbraio per la statuina di migliore attrice protagonista. Streep impersona Margaret Thatcher in “The Iron Lady”, la Close veste i panni di un uomo in “Albert Nobbs”, pellicola diretta da Rodrigo Garcia, il figlio di Gabriel Garcia Marquez. Chiunque delle due vinca, a trionfare realmente saranno i due make up artist che hanno truccato e vestito in maniera impeccabile le due signore del cinema.

Meryl Streep ha ricevuto 17 nomination e i due Oscar vinti, ed è un’attrice da record. Glenn Close invece ha ricevuto la sua prima nomination nel film del debutto del 1983 “Il mondo secondo Garp” in cui il quasi coetaneo Robin Williams interpreta il figlio. Ne seguiranno altre cinque con nessuna vittoria. Chissà se il 2012 le porterà finalmente bene.

Con “Il mondo secondo Garp” inizia ufficialmente la “sfida” tra le due attrici. La Streep infatti, era candidata e vinse come miglior protagonista per “La scelta di Sophie” conquistando il suo secondo Oscar (il primo l’aveva vinto nel 1980 per “Kramer contro Kramer”).

La sfida poi prosegue nel 1984 con un’altra doppia nomination: la Streep è candidata come miglior attrice protagonista per “Silkwood”, la Close come non protagonista per il film sul post ’68 “Il grande freddo”.

Meryl Streep vittima delle Grande Depressione in “Ironweed” sfida di nuovo a distanza la Close nel 1988: quest’ultima, lo stesso anno aveva interpretato “Attrazione fatale”. Tutte e due dovranno però cedere la statutetta alla Cher di “Stregata dalla luna”.

Nel 1989 si consuma un nuovo atto: Meryl Streep è candidata come miglior protagonista per “Un grido nella notte”, Glenn Close per “Le relazioni pericolose”. Saranno sconfitte dalla Jodie Foster di “Sotto accusa”.

L’ultimo anno in cui sono tutte e due nominate agli Oscar è il 1989: Meryl Streep recita la parte di una madre accusata di aver ucciso la figlia in “Un grido nella notte”. Niente Oscar, ma la Palma d’oro a Cannes come migliore attrice.  Glenn Close veste lo stesso anno le sontuose vesti della marchesa di Merteuil in “Le relazioni pericolose”: ma a vincere non sarà nessuna delle due.

Ora è iniziato il conto alla rovescia per conoscere chi la spunterà tra le due signore del cinema questa volta: la Margaret Thatcher di Meryl Streep, l’Albert Nobbs di Glenn Close o nessuna delle due?

 

Potrebbero interessarti anche...