Categorie
photogallery

Giorgia Meloni e il manifesto ritoccato. Lei: “Mondo pensa che sia una cozza”

ROMA – Giorgia Meloni è stata letteralmente invasa da critiche, sul web, a causa di un manifesto elettorale considerato un po’ troppo… photoshoppato.

Giorgia Meloni, presidente del partito Fratelli d’Italia, appare molto diversa dal solito sul manifesto elettorale per le europee del 25 maggio. La deputata, in primo piano, con sguardo etereo, pelle diafana e make up impeccabile, è lontana anni luce dalla Giorgia Meloni che siamo soliti vedere mentre è alle prese con arringhe e discussioni nella Camera dei deputati e fuori.

E i commenti al vetriolo non sono tardati ad arrivare. I più velenosi sono apparsi su Twitter, dove in molti hanno accusato la Meloni di aver esagerato con il Photoshop. Così la deputata ha deciso di intervenire e sempre su Twitter ha cinguettato:

“Ogni volta che esce un manifesto con una foto decente tutti a dire che è ritoccata… È ufficiale: il mondo mi considera una cozza“.

Ma la risposta della deputata non basta a placare il “massacro mediatico”. Un utente scrive “Sta quasi ultimando il suo processo di morphing che la porterà a essere Paola Ferrari“.

La Meloni cerca di reagire alle critiche mostrando anche un filo di ironia:

“E’ solo una bella foto.. Devo mettercene una di quando mi sveglio? :)”

E ancora:

“Ci sono le rughe, gli occhi non sono mai sporgenti presi da quell’angolazione e le borse ci sono ‘spesso’, non ‘sempre’. :)”.

Insomma, non c’è nulla di ritoccato in quella foto, sostiene la Meloni. Solo una bella foto realizzata ad hoc per nascondere i suoi “difetti”.

Giorgia Meloni e il manifesto ritoccato. Lei: "Mondo pensa che sia una cozza"

Giorgia Meloni e il manifesto ritoccato. Lei: "Mondo pensa che sia una cozza"

Giorgia Meloni e il manifesto ritoccato. Lei: "Mondo pensa che sia una cozza"

Giorgia Meloni e il manifesto ritoccato. Lei: "Mondo pensa che sia una cozza"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.