Eiaculazione precoce 2 uomini su 10: l’iniziativa

Eiaculazione precoce per 2 uomini su 10. L'iniziativa Not just a moment

ROMA – Sesso, due uomini su dieci soffrono di eiaculazione precoce. Ma solo il 9% si rivolge ad un medico. I dati arrivano dalla European Society for Sexual Medicine che ha lanciato l’iniziativa Not just a mo­ment: una campagna di sensibilizzazione con un progetto digitale (due i siti web: www.notju­stamoment.com e www.benessere­coppia.it) e un calendario di eventi.

L’eiaculazione precoce è la disfunzio­ne sessuale maschile più diffusa. Allo stesso tempo, però, è tra le meno trattate. Gli uomini spesso fanno fatica a parlarne, anche con il proprio medico. Molte volte non sanno che è un problema assai più diffuso di quanto immaginano.

Tra le cause, lo stress, la crisi economica e i rapporti occasionali, che aumentano la tensione e contribuiscono a ridurre il desiderio. Per questo, vista la diffusione sempre maggiore della disfunzione, è nata l’iniziativa europea, sostenuta dalla Menarini Farmaceu­tica, con il supporto scientifico di esperti internazionali nel campo della Urologia, Andrologia e Medicina del­la Sessualità.

L’iniziativa segue la “Giornata di in­formazione scientifica sul benessere della coppia” promossa in Italia, lo scorso luglio, dalla Società Italiana di Urolo­gia e dall’Associazione Ostetrici Gine­cologi Ospedalieri Italiani.

A breve negli ospedali pubblici di tutta Europa nasceranno i Dipartimen­ti della Salute Sessuale della Coppia. Il primo aprirà in autunno a Napoli. Seguiranno centri a Milano, Roma e Paler­mo. Per cercare di far ritrovare l’armonia alle coppie italiane. Almeno a letto.

Potrebbero interessarti anche...