Categorie
musica

Steve Strange è morto: addio al cantante dei Visage

LONDRA – Steve Strange è morto: addio al cantante dei Visage. Steve Strange, cantante del gruppo esponente del movimento “Nw Romantic” degli anni ’80, è morto a 55 anni. A riferirlo è la BBC e secondo le prime indiscrezioni Steve Strange sarebbe stato colpito da un attacco cardiaco mentre si trovava in Egitto. In particolare, il cantante inglese sarebbe deceduto per un infarto nel sonno mentre si trovava in vacanza a Sharm el-Sheik, in Egitto.
Marc Green, amministratore della August Day Recordings, etichetta del cantante, ha dichiarato: “Steve è morto nel sonno a causa di una crisi cardiaca. La sua famiglia, i suoi compagni di gruppo e i suoi amici sono distrutti da questa terribile e improvvisa notizia, e richiedono riservatezza in un momento così difficile”.

Uniti nel 1979, I Visage sono stati un gruppo importantissimo negli anni ’80, pionieri del movimento “New Romantic” ispirato da David Bowie.  Con il brano synthpop “Fade to grey” hanno dominato le classifiche di decine di Paesi.
I  Visage si sono sciolti una prima volta nel 1985, dopo la pubblicazione dell’album “Beat boy” e sono poi tornati insieme  nel 2004. Nel 2013 è uscito “Hearts and knives” e nel dicembre scorso “Orchestral”, un album di canzoni di repertorio riarrangiate insieme all’orchestra filarmonica di Praga.

Strange, il cui vero nome era Steven John Harrington, ha combattuto per anni con il problema dell’eroina dopo aver “provato” la droga per sbaglio a Parigi nel 1985 dopo una sfilata per Jean Paul Gaultier credendo che fosse cocaina. “È stato l’errore più grave di tutta la mia vita” ha confessato una volta. Con problemi di salute e le finanze declinanti, nel 2000 è stato condannato per aver rubato giocattoli per bambini e cosmetici in un negozio.

Tanti i tributi dal mondo della musica: Boy George si è detto “affranto” dalla notizia e Simon Le Bon ha ricordato Strange come “uno dei grandi del New Romantic”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.