Il Ritorno e l’Affermazione dei Pantaloncini da ciclista – (FOTO)

Scostumista – Il Ritorno e l’Affermazione dei Pantaloncini da ciclista – In principio fu Kim Kardashian… è grazie a lei infatti, o forse meglio, per colpa sua, se i pantaloncini da ciclista sono tornati di moda. Verso la fine degli anni ’80 e i primi anni ’90 non era raro veder fotografata Lady Diana in tenuta sportiva con indosso dei comodi bike short. A distanza di trent’anni, prima Kim, e a ruota le sorelle e tutto il clan Kardashian/Jenner postano outfit su instagram con pantaloncini da ciclista. Ma a questo giro l’oggetto in questione non è relegato a semplice capo sportivo, bensì si afferma come oggetto di tendenza vero e proprio, indossato anche con tacchi vertiginosi o giacche sartoriali. E se Virgil Abloh, il più attento osservatore delle tendenze street-style, durante lo show di Off-White della collezione primavera/estate della scorsa stagione ha fatto sfilare Naomi Campbell con un paio di pantaloncini da ciclista bianchi, per la prossima primavera i bike short si affermano con ancora più prepotenza, diventando capo cult di molte collezione. Nell’ormai lontano 1999 Karl Lagerfeld fece indossare cycling-bike neri aderenti con una giacca bouclé oversize e una cintura a catena con logo Chanel ad un’androgina Linda Evangelista. Un look quasi identico torna sulla passerella per il 2019, quando Anna Ewers passeggia sulla spiaggia del Grand Palais con indosso una giacca fucsia, le maniche arrotolate e i piedi nudi. I pantaloncini da ciclista, sono tornati anche da Fendi, in versione più atletica, abbinati a reggiseni sportivi coordinati e impermeabili trasparenti. Versione sportiva anche quelli di Mugler e Each x Other, mentre Stella McCartney li rende quasi romantici trasformandoli in tutine floreali; più femminili anche quelli di Vivetta, che li realizza in pizzo colorato. Fausto Puglisi copia e incolla gli anni ’80 proponendoli in lycra lucida giallo canarino; mentre il designer inglese Toga ha aggiunto stampe barocche agli short-bike abbinandoli a camicette trasparenti e a maglioni tagliati. Prada li realizza con stampe anni ’70 mixandoli a corpetti anni ’60, un mix che abbraccia praticamente tre decenni, mentre per Miu Miu sono semplici ma cortissimi. Abbiamo un lungo inverno davanti per metterci in forma e sentirci pronte ad indossare un bel pantaloncino ciclista che mette in risalto ogni curva del nostro corpo, per le più pigre e meno coraggiose, siate tranquille, in questi trent’anni nessuno ha sentito la mancanza.                                                                                                                                                           di Annapaola Brancia d’Apricena

Potrebbero interessarti anche...