moda

Identikit del consumatore: dimmi cosa, come e dove compri e ti dirò che consumer sei

fare shopping

Tutti comprano, chi più chi meno, chi sta attento a risparmiare e chi invece non bada alle spese. C’è il consumatore che compra solo prodotti di marca e chi invece boicotta le multinazionali. Chi vuole esclusivamente ciò che proviene da agricoltura biologica e si preoccupa della tracciabilità, e chi invece guarda al prezzo finale, senza farsi troppe domande. Il consumatore che non rinuncia al mercato e chi ama i centri commerciali. Chi guarda al packaging e combatte gli sprechi, chi compra solo online e chi quello che dicono gli influencer.

Quali sono le principali tipologie di consumatori? Tiendeo.it, compagnia leader nei servizi drive-to-store per il settore retail ed esperti in cataloghi digitali, ha analizzato le abitudini e i comportamenti dei consumatori. Individuando 7 profili di consumer tipo, che si contraddistinguono per il loro modo di acquistare, tipi di prodotti comprati, preferenze brand o no brand, canali e luoghi prescelti per il momento dell’acquisto.  

I 7 Profili di consumatore

Oculato

Per lui l’acquisto è un concetto semplice e finalizzato a soddisfare una necessità. Il suo obiettivo al rispetto è nutrirsi e coprirsi, niente di più. Ci si reca nei punti vendita il minimo indispensabile e si consuma solo per soddisfare dei bisogni primari. Riconoscono le dinamiche delle offerte e non si lasciano facilmente ingannare dalle tecniche di vendita. Sono persone pratiche, non amano le complicazioni e ancora meno il superfluo. Per loro tutto può avere una seconda vita, ma anche una terza, una quarta, una quinta…
Luogo preferito: discount, negozi di seconda mano

Comparatore omnichannel

Per questa tipologia di consumatore i volantini sono imprescindibili. Si muove con destrezza tra cartaceo e digitale alla ricerca della miglior offerta. Non vi sono tariffe che gli sfuggono e buoni che vengono lasciati scadere. È un consumatore attivo, sempre a caccia di occasioni, per sé e per le persone care. Per lui riuscire ad aggiudicarsi un prodotto al miglior prezzo è una vera e propria sfida, e per farlo mette in atto tutte le sue risorse, dedicandovi tempo e dedizione.
Solitamente sono persone determinate, con metodo, che amano stare al passo con i tempi ed essere sempre aggiornati sulle ultime novità. Amano la condivisione e una vita fatta di obiettivi.
Luogo preferito: ipermercati, outlet, e-commerce.

Il consumatore Virtuale

Non si muove da casa perché ha tutto sotto controllo a portata di smartphone. La spesa, il pranzo, la cena, i vestiti, i regali per gli anniversari… Non rinuncia ai comfort della tecnologia ed è pienamente a suo agio nel mondo online. Ha eliminato con piacere tutto ciò che non è digitale.
Sono persone curiose, sempre al passo con i tempi e costantemente proiettate verso il futuro.
Luogo preferito: ecommerce

Fashion victim

Non importa se serve, non serve, se è utile o no, addirittura non è nemmeno così importante che gli piaccia davvero. Ciò che conta è che si tratti di un prodotto/luogo/servizio ampiamente instagrammabile, a prova di likes e che conquisti il maggior numero di consensi possibili.
Si tratta spesso di persone con una personalità facilmente influenzabile, con tendenza all’omologazione, la cui felicità dipende dall’opinione che riescono a suscitare negli altri.
Luogo preferito: secondo i trend del momento

Il consumatore Km zero

Si impegna a comprare esclusivamente prodotti a basso impatto ambientale, con filiera certificata e packaging sostenibili, realizzati nel rispetto dell’uomo e della natura. Sono consumatori con una forte coscienza green, che non vogliono ingerire o indossare qualsiasi cosa ma che si preoccupano delle conseguenze che tutto ciò ha sulla salute dell’individuo.
Spesso sono persone informate, vegetariane o vegane, amano gli animali e si preoccupano per il futuro del nostro pianeta.
Luogo preferito: reparti bio, direttamente dal produttore al consumatore, abbigliamento sostenibile.

Leggi anche: 7 modi per rendere il tuo guardaroba sostenibile.

Il consumatore compulsivo

Parola d’ordine comprare. E spendere. Il consumatore compulsivo compra per definizione. Non può resistere all’irrefrenabile bisogno di comprare e non riesce a darsi dei limiti.
Si tratta di consumatori che soffrono di shopping compulsivo e che comprano per sentirsi bene, per l’emozione del momento, e che poi si pentono di ciò che hanno acquistato. Tendono infatti a nascondere gli acquisti fatti alle persone vicine, e talvolta anche a se stessi.
Luogo preferito: qualsiasi luogo in cui sia possibile spendere del denaro

Old School

È un consumatore che ama mantenere le proprie abitudini e soffre molto per la chiusura dei negozi di quartiere e di tutto ciò che rappresentano: il contatto diretto cliente e negoziante, la routine, i consigli sui prodotti, l’attenzione alla stagionalità. Non ha mai fatto un acquisto online e se non obbligato evita accuratamente di recarsi a supermercati e centri commerciali. Per lui il momento dell’acquisto è un’occasione di dialogo e confronto, di scambio e di conoscenza.
Reticente al cambiamento e a mettersi al passo con i tempi, non ama le nuove tecnologie ed è profondamente preoccupato per l’impatto negativo che queste possono avere sul futuro.
Luogo preferito: i negozi di quartiere e il mercato comunale