Gravidanza: tutto l’occorrente per il giorno del parto

ROMA – Come prepararsi al grande giorno. E non intendiamo quello di nozze, ma quello (più importante) della nascita del primo figlio. Ecco allora qualche consiglio pratico su una delle cose fondamentali per il grande giorno: la valigia per il parto.

Con un suggerimento: nel caso di prima gravidanza è meglio preparare la valigia già all’ottavo mese, onde evitare corse improvvise quando l’ansia può far dimenticare cose importanti.

Prima di tutto i documenti: servono la cartella clinica cone gli esami e le ecografie fatti in gravidanza, la tessera sanitaria e un documento d’identità con fotocopia.

Vestiti: fondamentale la pancera post-parto, o guaina, per la neo-mamma. Poi gli assorbenti post-parto, mutandine usa e getta, camicie da notte aperte davanti, una vestaglia, pantofole, reggiseni per allattare (ma non in caso di ragadi), coppette assorbilatte, coppette argento, asciugamani garze sterili per il bidet, detergente intimo, olio di mandorle e burro di cacao per idratare sia la pelle sia la bocca, spray disinfettante per i sanitari.

Poi, naturalmente, un beauty case con spazzolino, dentifricio, bagnoschiuma, shampoo, balsamo, deodorante, elastici per i capelli e un cambio di abiti per il giorno in cui si torna a casa.

Ricordatevi che con il parto e l’allattamento si suda molto, e dopo il parto si perde molto sangue.

Per il neonato servono alcune tutine o magliettine aperte dietro in cotone a manica lunga e altrettanti body, magliettine intime, calzini e mutandine, bavaglini, babbucce, eventualmente una giacchina, una tutina o una copertina (e in caso anche cappellino e sciarpina) per il giorno in cui si torna a casa, un ciuccio, pannolini e lenzuolini, un accappatoio, un pettinino.

 

 

Potrebbero interessarti anche...