Categorie
maternità

Avere un figlio maschio stressa di più: lo dice la scienza

GRANADA – Avere un figlio maschio stressa il corpo. Lo dice la scienza: le sostanze chimiche che derivano dai bebè e che portano alle infiammazioni nelle madri sono presenti in quantità maggiore nei maschi. E possono anche contribuire all’insorgere di alcune patologie come depressione o Alzheimer in futuro. 

Javier Diaz-Castro, docente all’Università di Granada, in Spagna, e co-autore dello studio, sostiene che dare alla luce un bambino non fa più male che dare alla luce una bambina. Ma le conseguenze si fanno sentire a livello di infiammazione: infatti i figli maschi, spiega il professore al Daily Mail, provocano un maggiore danno a livello cellulare perché sono “chimicamente più aggressivi”, dice Diaz-Castro: “In termini di risposta del corpo matrno, avere una bimba provoca minori infiammazioni”.

Questo avviene perché i maschi rilasciano più radicali liberi, che portano a maggiori infiammazioni e danni a livello cellulare.

L’équipe di ricercatori ha anche scoperto che i corpi delle bimbe di per sé mostrano minori segni di infiammazione alla nascita.

I ricercatori hanno seguito 56 donne incinte e in salute dell’ospedale San Cecilio di Granada per osservare la risposta dei loro corpi alla nascita dei figli. Tra queste donne, 27 hanno partorito un maschio e 29 una femmina.

Dopo il parto, i ricercatori hanno prelevato dei campioni di sangue dai cordoni ombelicali e dai neonati e li hanno analizzati per vedere i livelli di stress ossidativo, che si verifica quando il corpo non ha abbastanza antiossidanti per fronteggiare i danni prodotti dai radicali liberi. Hanno anche monitorato le sostanze prodotte dal corpo quando è infiammato, e hanno scoperto che i neonati maschi erano legati ad una maggiore risposta (di stress) da parte del corpo della madre.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.