Altro che birra e wurstel, chef tedeschi tra i migliori d’Europa

BERLINO – Altro che Oktoberfest, birra e wurstel. I cuochi tedesche sono tra i migliori d’Europa. Nell’ultima guida Michelin infatti gli chef della Germania hanno dimostrato non solo un’ottima crescita tecnica, ma anche un qualcosa che  mancava negli scorsi anni, ovvero l’esplorazione e di nuovi ingredienti, di nuovi sapori, di nuovi abbinamenti.

Uno dei più grandi chef tedeschi, Harald Wohlfahrt, riconduce questa crescita culinaria, ad una crescita di tutto il Paese, un sintomo di benessere insomma. “Il fatto che nell’edizione 2013 della guida francese la Germania occupi il posto d’onore in Europa nel numero dei ristoranti più decorati è la testimonianza della grande salute, anche economica, del mio Paese. Se la gente ha denaro e tempo, è chiaro che la cultura culinaria si evolve, ha commentato. Il suo ristorante, lo Schwarzwaldstube di Baiersbronn, nel Baden-Württemberg, ha tre stelle dal 1992 e non le ha mai perse.

Spesso descritta come “abbondante” e “pesante”, la cucina tedesca ora sta crescendo, e la Francia deve cominciare a guardarsi le spalle. Mentre l’Italia resta per ora a guardare le due nazioni potrebbero scatenarsi un una guerra ai fornelli che potrebbe rievocare antiche rivalità.

Gli chef tedeschi sono orgogliosi del loro pudore e delle precisione. Chef francesi si vantano di essere chef francesi. “Alcuni di questi grandi chef in Francia, dicono sempre ‘Noi siamo questo, noi siamo questo, saremo questo e siamo sempre stati questo,’ e uno chef tedesco non lo farebbe mai”, dice lo chef di Berlino Stefan Hartmann, una stella Michelin. “Sono più concentrato su quello che stanno facendo e non quello che qualcuno sta leggendo su di loro”.

Hartmann ha rappresentato la Germania in un incontro sulle due cucine presso il Goethe-Institut di Parigi, che fa parte degli eventi organizzati per celebrare il 50 ° anniversario del Trattato dell’Eliseo. Hartmann è apparso sul palco con lo chef francese Christoph Pelé, che ha due stelle Michelin. Hartmann si è trovato a dover difendere la sua cucina nazionale da Pelé, il quale ha sostenuto che tutto quello che la Germania ha da offrire è la salsiccia. Ma il giorno dopo Pelé ha partecipato una cena di cinque portate servite da Hartmann presso l’ambasciata tedesca. Coniglio arrosto con verdure, e l’anguilla con le barbabietole rosse, tutte rivisitazioni di piatti tedeschi, divorati anche dallo chef francese.

“C’è molto di più in Germania di salsiccia crauti e rape e salsicce “, è stato il commento finale. 

 

Potrebbero interessarti anche...