Arancini di riso al ragù catanesi

IN CUCINA CON LADYBLITZ
(Rubrica a cura di Manuela Lantermino)

Oggi Sonia Jouini ci propone gli arancini di riso al ragù catanesi. La disputa divide Palermo e Catania, ma l’Accademia della Crusca ha stabilito che entrambi i termini sono corretti. L’importante è che siano buoni!

  • Difficoltà: Media
  • Preparazione: 30 minuti
  • Cottura: 10 minuti
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Riso Arborio500 g
  • Piselli Surgelati250 g
  • Polpa Di Vitello400 g
  • Burro100 g
  • Fontal O Caciocavallo Ragusano200 g
  • Parmigiano Grattugiatob.
  • Cipolla1
  • Sedanob.
  • Carota1
  • Zafferano1/2 bustina
  • Brodo Vegetale500 ml
  • Passata Di Pomodoro250 ml
  • Olio Extravergine D’olivab.
  • Olio Di Semi Di Girasole1 l
  • Saleb.
  • Pepeb.
  • Pangrattato500 g

per la pastella

  • Birrab.
  • Farinab.
  • Sale1 pizzico


Procedimento

Versate in una casseruola l’olio d’oliva e 30 g. di burro. Mettete il recipiente sul fuoco e fate rosolare la cipolla tagliata sottile il sedano e la carota, quindi aggiungere la carne di vitello ed i piselli sgranati.

Mescolate e dopo qualche minuto aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco e fate sfumare.Quando l’alcool sarà ben evaporato,  aggiungete la passata di pomodoro, salate, pepate, e proseguite la cottura fino a quando la salsa si sarà ben addensata.

Versate il riso nel brodo vegetale, e fate cuocere il riso aggiungendo del sale e una bustina di zafferano (io utilizzo il riso arborio). Fate assorbire tutta l’acqua e aggiungete dell’altra acqua bollente qualora occorresse prolungare la cottura.
Togliete il recipiente dal fuoco e incorporate al riso 50 g. di burro e tre cucchiaiate di formaggio grattugiato , mescolate bene e fate raffreddare.

Ricavate dall’impasto gli arancini a forma rotonda o leggermente allungati.  Al centro di ognuno formate una cavità e riempitela con un poco del ragù preparato e cubetti di fontal, quindi richiudetela con del riso. (mi sono risparmiata questa procedura acquistando l’arancinotto!)

Fate una pastella fluida (per ottenere un buon risultato dovete, con la forchetta lasciar scrivere l’impasto) Passate gli arancini così ottenuti prima nella pastella e poi nel pane grattugiato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 12646939_587009751451327_5085879739202137641_n-264x480.jpg

Friggeteli in abbondante olio caldo. Scolateli e fateli asciugare su carta assorbente. Serviteli ancora caldi!

Consiglio: friggete gli arancini o in una friggitrice o in una padella concava o con le pareti alte in modo da immergerci completamente l’arancino.

.

Chi è Sonia Jouini

Mi chiamo Sonia Jouini, sono una ragazza di 27 anni originaria di Catania trasferita da 5 anni a Modena. La mia passione per la cucina è nata perché, agli inizi del trasferimento qui in Emilia, ho avuto nostalgia della cucina e della cultura siciliana (anche se qui si mangia bene). Ho cercato quindi di crearmi qui in Emilia un pezzo della Sicilia a me tanto cara. Preparo di tutto, per me Catania è sempre con me! Noi siciliani abbiamo un detto: u megghiu ristoranti è a to casa! ( il miglior ristorante è a casa tua)… Qualsiasi cosa prepari a casa tua sai veramente quello che mangi!

Se volete scoprire tante altre gustose ricette di Sonia andate nella nella sua pagina Facebook cliccando QUI  e mettendo il vostro like oppure potete trovarla nel suo Blog  “In Cucina con Sonia”

Sonia Jouini
Sonia Jouini

.

.

Potrebbero interessarti anche...