Categorie
coppia

Adolescenti italiani: preservativo e andrologo, i due sconosciuti

ROMA – Sesso, due adolescenti italiani su tre sono a rischio. I pericoli maggiori sono le malattie sessualmente trasmissibili e le gravidanze indesiderate. Ma anche semplici patologie come il varicocele che solo una visita dall’andrologo può diagnosticare.

Solo il 7% dei ragazzi delle scuole superiori usa il preservativo quando ha un rapporto per proteggersi da Hiv e altre malattie. La percentuale sale al 90% per evitare gravidanze, ma il risultato è che solo un giovane su tre usa sempre il profilattico. Il 27% addirittura non ne ha mai comprato uno.

I dati arrivano dallo studio pubblicato sull’archivio italiano di urologia e andrologia che, per la prima volta, esamina la salute sessuale dei diciottenni dopo l’abolizione della visita di leva nel 2005.

Lo studio rivela anche altri comportamenti a rischio dei giovanissimi: l’80% degli under 18 beve troppi alcolici e il 40% abusa di droghe. Rischi per la salute e anche per le performance sessuali.

Il problema è che dal momento del primo rapporto fino a quando si ha una vita relazionale stabile i ragazzi non hanno informazioni serie, e in caso di dubbi non sanno a chi rivolgersi, finendo per cercare notizie sul web o dagli amici, fonti spesso non proprio affidabili.

Questo nonostante i problemi andrologici colpiscano anche gli adolescenti: quasi il 18% di loro, per esempio, soffre di variocele, la dilatazione delle vene dei testicoli che provoca un aumento della temperatura locale che può portare anche all’infertilità. Il 4% è affetto da criptorchidismo, cioè ha i testicoli che non sono adeguatamente scesi nello scroto, più del 3% ha il frenulo corto. Tutti problemi facilmente diagnosticabili, ma solo se ci si rivolge ad un medico.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.