Django Unchained: Quentin Tarantino “sbanca” ancora, è boom di consensi

Django unchained

ROMA – Malgrado sia nelle sale italiane già da alcune settimane, “Django Unchained” sta riscuotendo talmente tanti consensi da poter essere considerato comunque e ancora una “novità” cinematografica, in grado di offuscare quasi tutte le nuove uscite. Il geniale e pluripremiato regista e sceneggiatore Quentin Tarantino torna nelle sale con un western dal sapore classico, senza tuttavia rinunciare a quei guizzi estrosi e coinvolgenti che l’hanno reso uno dei registi più amati in circolazione. In questa pellicola, ancora più che in altre, il piacere di fare cinema  permea completamente le due ore e quarantacinque della durata del film, e si può sentire nella recitazione espansiva dei protagonisti, nell’acutezza dei dialoghi, nell’uso della musica e nella meravigliosa capacità di omaggiare alcuni grandi registi del passato. Il dottor King Schultz( l’ eccezionale Cristoph Waltz), un cacciatore di taglie di origine tedesca, è alla ricerca dei fratelli Brittle, per consegnarli alle autorità più morti che vivi; per trovarli, libera lo schiavo Django( Jamie Foxx), col quale instaura un sodalizio umano e professionale che li condurrà attraverso l’America delle piantagioni e dell’orrore razzista. “Django Unchianed” è un’opera completamente risolta, che si avvale di un cast eccellente( una menzione speciale va senz’altro a Leonardo Di Caprio nel ruolo del viscido Calvin Candie) e che riesce con insuperabile maestria ad unire cinismo e amore, intrattenimento e storia; probabilmente manca un pizzico di sperimentazione, che tanto aveva contraddistinto il regista ai suoi esordi, ma si tratta di sfumature, anche perché  quando c’è Tarantino, c’è sempre un grande Cinema.

Potrebbero interessarti anche...