Priyanka Chopra si mantiene in forma con questa insalata

priyanka-chopra-dieta-insalata

Priyanka Chopra è una delle attrici indiane più popolari del pianeta. Lo scorso dicembre ha sposato l’attore e cantante americano Nick Jonas. Da quel momento sono diventati una delle coppie più glam del jet set internazionale. Priyanka è anche salita alla ribalta delle cronache rosa per la sua amicizia di lunga data con Meghan Markle, la Duchessa del Sussex. Le due si sono conosciute quando la moglie di Harry viveva tra gli Stati Uniti e il Canada. 

Ma Priyanka Chopra è anche un’icona di stile e bellezza. Il sito indiano The Times of India svela qualche dettaglio sulla dieta dell’attrice. Lo chef personale della star ha fatto sapere uno dei pasti preferiti che la sua cliente ama mangiare. “Priyanka mangia un’insalata ogni giorno a pranzo e una ciotola di cereali. Di solito un’insalata di pollo“. Lo chef ha anche rivelato ciò che accade nella preparazione di uno dei suoi piatti preferiti, che lei chiama la speciale “insalata Priyanka”. “L’insalata preferita di Priyanka: cavolo, noci, frutta, finocchio, carota e pollo. Sì, è così “, ha aggiunto lo chef, che cucina anche per la famiglia Jonas.

Mangiare ogni giorno lo stesso piatto potrebbe non essere molto salutare, soprattutto se non si conosce con certezza la provenienza dei prodotti che finiscono sulla tavola. Se però volete provare l’insalata di pollo alla Priyanka, c’è un appunto da fare: il pollo non va lavato prima della cottura, per evitare che eventuali batteri presenti si diffondano in cucina. Lo ha affermato un rapporto realizzato dal Department of Agriculture statunitense e dalla North Carolina State University. La carne di pollo, ricordano gli esperti nel rapporto, è spesso contaminata da batteri pericolosi come la Salmonella o il Campylobacter.

Dalla ricerca sono emersi alcuni suggerimenti per evitare contaminazioni durante la preparazione del pollo: preparare la carne per ultima, dopo verdure e frutta; usare un tagliere a parte per la carne; non lavare il pollo; lavarsi le mani per almeno 20 secondi dopo aver maneggiato la carne; usare un termometro per essere sicuri che la carne raggiunga almeno i 73 gradi durante la cottura.

 

 

Potrebbero interessarti anche...