celebrity

l principe Harry ha parlato della vita a casa con la piccola Lili

Harry, arriva il libro memoriale e il suo ghostwriter è un nome che conta

La piccola Lilibet “Lili” Diana ha meno di un mese di vita, ma sta già dando a suo padre motivi per essere orgogliosa. Durante un’apparizione ai WellChild Awards di Londra, il  principe Harry ha spiegato che la piccola è davvero calma. E che accoglierla in casa è stato un vero cambiamento per lui e sua moglie, Meghan Markle.

Fonti presenti all’evento hanno condiviso che il principe Harry ha parlato delle differenze tra Lili e suo fratello maggiore, Archie. Ha detto che è “piuttosto calma” e che Archie “corre come un matto”.

Secondo quanto riporta Hello! , il principe Harry avrebbe detto: “Siamo stati fortunati finora, è molto rilassata e sembra felice di stare lì mentre Archie corre in giro come un matto”.

CORRELATO: Secondo quanto riferito, Harry e William hanno iniziato a “litigare” già ai funerale del principe Filippo

L’apparizione di Harry all’evento è stata inaspettata, dal momento che si trova in Inghilterra solo per assistere all’inaugurazione della statua della principessa Diana, prevista per oggi 1 luglio. Meghan Markle è rimasta in California con Archie e Lili. Harry è padrino di WellChild dal 2007.

Le parole del principe Harry

“Da quando sono diventato padrino di WellChild nel 2007, questa organizzazione e le persone al suo interno hanno occupato un posto straordinariamente speciale nel mio cuore. All’epoca non ero un padre, eppure non c’è bisogno di essere un papà per sentire l’impatto di questo prezioso lavoro”, ha detto il principe Harry all’evento.

“Ora, come padre di due figli, mi sento ancora più connesso, ispirato e in soggezione per la resilienza di queste famiglie, che affrontano sfide indescrivibili con il supporto di WellChild. La salute dei nostri figli, di tutti noi, potrebbe essere finita in secondo piano durante lo scorso anno. E, in tutto questo tempo, la comunità WellChild ha dato l’esempio su come mostrarsi e agire con compassione l’uno per l’altro. Non potrei essere più orgoglioso di essere qui”.