celebrity

Il principe Carlo promuove la dieta vegana: “Rinuncio ai latticini una volta a settimana”

Il principe Carlo promuove la dieta vegana: "Rinuncio ai latticini una volta a settimana"

Il principe Carlo promuove la dieta vegana. Non la segue tutti i giorni, ma solo alcune volte alla settimana.

Il figlio della regina Elisabetta ha discusso con la BBC di temi ambientali e di ciò che le persone possono fare per ridurre la propria impronta di carbonio.

L’impronta di carbonio stima le emissioni in atmosfera di gas serra causate da un prodotto, da un servizio, da un’organizzazione, da un evento o da un individuo.

Il Principe del Galles è stato a lungo un sostenitore dell’ambiente e della sostenibilità ed ha spiegato cosa possono fare le persone per modificare la loro dieta per aiutare a salvare il pianeta.

L’erede al trono ha dichiarato:

“Il business di ciò che mangiamo ovviamente è importante”.

Da due anni non mangio carne e pesce due giorni alla settimana e non mangio latticini un giorno alla settimana“.

“Ora voglio dire che è un modo per farlo: se anche tu lo facessi di più, ridurresti molta della pressione sull’ambiente e tutto il resto.

“Perché vedi che per la carne è molto importante da dove viene, come viene coltivata”.

“Quindi, se è a allevata a base di erba e con le razze giuste, sai se è di qualità migliore ma consumata meno spesso”.

“Quell’approccio all’agricoltura è meno dannoso dell’approccio industrializzato intensivo, che causa enormi pressioni e danni”.

Il principe Carlo ha spiegato che ha cambiato la sua dieta per ridurre il suo impatto sull’ambiente e ha esortato gli altri a fare lo stesso.

Non mangiando carne e pesce due giorni alla settimana e rinunciando ai latticini in un altro giorno, il principe crede che possa dare il suo contributo alla tutela dell’ambiente.

Il principe Carlo paladino dell’ambiente.

Il padre di Harry e William non è un un ecologista dell’ultima ora. Il suo primo discorso sul tema risale al 19 febbraio 1970. Il principe, all’epoca ventiduenne, già parlava dei pericolosi effetti della plastica che ci circonda.