Nicole Kidman: “Grace Kelly, vi svelo cosa c’è dietro favola della principessa”

Nicole Kidman: "Grace Kelly, vi svelo cosa c'è dietro favola della principessa"
CANNES – Tra tutti i ruoli interpretati, per Nicole Kidman quello di Grace Kelly è probabilmente uno tra i più complicati. E non certo perché l’attrice premio Oscar non sia all’altezza. Bellezza, fascino, eleganza: non manca nulla alla Kidman per riuscire a dipingere un ritratto consapevole della principessa Grace. Le difficoltà, tuttavia, sono altre.
Questa volta Nicole ha sopra di sé un peso importante. Non solo quello di interpretare al meglio un personaggio, ma quello di interpretare un personaggio storico che è nei ricordi e nel cuore non di alcuni, non di molti, ma di tanti. Troppi.
Certo, non è la prima volta che l’attrice australiana si cimenta in ruoli importanti. L’interpretazione di Virginia Wolf nel film The Hours che le valse anche un premio Oscar come migliore attrice rimarrà nella storia.
Ma questa volta è diverso, perché Nicole non ha solo il compito di evocare un personaggio storico, ma ha anche quello di capirne e trasferirne l’essenza, di tirare fuori la Grace sconosciuta e privata, di provarne gioie e dolori insieme a lei.
In uno speciale, una esclusiva apparsa sul Corriere della Sera, Nicole Kidman si confessa. Racconta le sue impressioni, le sue emozioni. Le sue angosce nel dover rievocare il mito di Grace.
La scommessa di Nicole, questa volta, è ancora più dura perché si è infranta più volte sul muro di scogli tirato su dalla famiglia Grimaldi che si è da sempre dissociata dal progetto rinnegandone la storia.
Ma il viaggio di Nicole è profondo, è minuzioso. L’attrice scrive sul Corriere della Sera:
“Nel prepararmi a interpretare il suo ruolo per il film Grace di Monaco , ho avvertito una spaccatura tra la Grace pubblica, l’attrice e la principessa, e quella privata, la madre, la moglie, la figlia. Il fulcro della mia ricerca era capire cosa ci fosse dietro la favola. Grace era una persona molto riservata che aveva sempre gelosamente protetto la sua privacy e io volevo rispettarla. Ma nel contempo desideravo rappresentare in modo autentico la sua vita e le straordinarie esperienze da lei vissute. Nel calarsi nel ruolo di un personaggio storico, soprattutto se celebre quanto la principessa Grace, l’artista o l’attore rischia sempre di ridursi a farne un’imitazione. Io desideravo davvero andare oltre. Così ho cominciato a leggere tutto ciò che era stato scritto sul suo conto. Ho studiato le sue interviste, guardato i suoi film. Il mio obiettivo era cercare di carpire la sua essenza, in modo da restituire un ritratto della sua persona a tutto tondo e rendere la mia performance il più espressiva possibile. Sapevo per esperienza che addentrandomi nella sua vita, lasciandomi permeare da lei, il ritratto di Grace sarebbe emerso dalla mia interpretazione in modo quasi inconscio”
Un viaggio, quello di Nicole verso Grace, che ha portato l’attrice a capire realmente la principessa di Monaco. Una vita passata a fare “l’attrice” nella vita reale, come racconta la Kidman:
“C’è una scena del film in cui Grace si interroga su come affrontare la propria posizione di principessa. Il suo confessore, padre Tucker, le suggerisce di considerare le sue incombenze di sovrana come se fossero il ruolo più importante della sua carriera di attrice. È una scena cruciale perché è allora che Grace realizza qual è il suo posto a Monaco ed è proprio in quel momento che il suo enigma mi si è disvelato. Lo ricordo distintamente perché mi ha fatto capire quanto difficile e complesso fosse l’impegno che si era assunta. Un capo di stato deve recitare, esibirsi, eppure la sua non è una recita, un’interpretazione: è la vita vera. Nel mondo reale non ci sono set cinematografici e inquadrature che ti dicono come e chi essere”
Non solo. In questi mesi Nicole ha scoperto anche il lato amorevole della bella Grace. La dedizione che aveva nell’essere mamma, moglie e compagna. Scrive sul Corriere:
“A Philadelphia, Grace era cresciuta nell’agio di una famiglia ricca. Poi erano venuti i tempi difficili del suo debutto da attrice, seguiti dalla celebrità da star di Hollywood. Dopodiché aveva acquisito una fama ancora maggiore, circondata dal glamour di Monaco. Ma passando da una fase all’altra era rimasta sempre fedele a se stessa (…). Per orientarsi nella vita, i suoi punti cardinali furono l’amore, la comprensione e la sensibilità verso le altre persone. Si sa quanto la fama e la ricchezza possano condurci fuori strada. Anche Grace lo sapeva, meglio di molti altri. Ma tenne sempre presente ciò che contava davvero, seguendo la sua personale bussola e consultandola spesso per trovare la giusta direzione. E la bussola le suggeriva sempre di dare ascolto al cuore. La sua fedeltà al proprio cuore è, credo, il motivo per cui così tante persone in tutto il mondo provano un legame d’affetto nei suoi confronti”
Di Nicole Kidman, articolo apparso sul Corriere della Sera del 14 maggio 2014

Potrebbero interessarti anche...