Categorie
celebrity

Lino Guanciale: fidanzata, età, vita privata FOTO

ROMA – Lino Guanciale: fidanzata, età, vita privata FOTO. Uomo affascinante e attore di talento: Lino Guanciale, protagonista della fiction La porta rossa in onda su Rai 2, è indubbiamente uno dei personaggi di punta delle serie tv RAI. Classe ’79, Lino Guanciale ha 37 anni ed è nato ad Avezzano. Ha alle spalle una lunga gavetta come attore di teatro e negli ultimi anni è divenuto famoso al grande pubblico grazie alle sue interpretazioni in fiction di successo tra cui Che Dio ci Aiuti o Non dirlo al mio capo.

Ma chi è questo ragazzo che sta entrando piano piano nei cuori del pubblico a casa? E soprattutto, è fidanzato? E se sì, chi è la donna che gli ha rapito il cuore? Lino Guanciale si è diplomato al liceo scientifico, poi si è trasferito a Roma per frequentare la Facoltà di Lettere e Filosofia presso La Sapienza, però la passione per la recitazione è stata talmente forte che poco dopo si è iscritto all’Accademia Nazionale d’arte drammatica Silvio D’Amico, sempre nella Capitale, dove si è diplomato nel 2003. Durante i primi anni della sua carriera, inoltre, ha vinto il Premio Gassman.

Per quanto riguarda la sua vita privata, Lino Guanciale è riservatissimo. Tuttavia, lui stesso non ha mai nascosto di essere fidanzato, anzi fidanzatissimo. Di chi? L’identità della fidanzata è stata sconosciuta fino a poco tempo fa anche se lui ha dichiarato più volte che si trattava di una attrice. Ora, i due sono usciti allo scoperto: si tratta di Antonietta Bello, attrice di teatro e di tv molto talentuosa. I due si sono conosciuti proprio grazie alla recitazione, per la precisione all’Università di Venezia dove la Bello frequentava un corso tenuto proprio da Lino Guanciale. L’amore tra i due è però scoppiato dopo due anni, quando Antonietta ha chiesto aiuto a Lino per un provino. In una intervista al settimanale Intimità una volta Lino Guanciale ha raccontato:

“La nostra è stata una storia molto graduale. La recitazione è stata galeotta, ma non da colleghi, bensì da persone che da una parte l’insegnavano e dall’altra la studiavano […] È bello stare accanto ad una persona che fa il suo stesso mestiere, si comprendono meglio le reciproche esigenze, il sistema di vita è uguale, così come gli orari che non esistono. Non devi spiegare nulla all’altro. Visto però che questa è una professione precaria, possono esserci delle complicazioni se, per esempio, tu sei fermo e lei lavora. Magari per lunghi periodi. Per fortuna  fra me e Antonietta la competizione proprio non c’è, faccio anzi un gran tifo per lei”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.