celebrity

Lady Diana, l’abito segreto delle nozze con Carlo

La colazione controversa di Lady Diana: cosa amava mangiare

Lady Diana e il principe Carlo si sono sposati il 29 luglio del 1981 e quando la sposa è arrivata nella Cattedrale di Saint Paul tutti gli occhi erano per lei.

Per il matrimonio del secolo tutto doveva essere perfetto, a partire dall’abito da sposa.

Quando la posta in gioco è così alta non può mancare un piano B e così è stato per il vestito.

Per ovviare a qualsiasi tipo di inconveniente, gli stilisti David ed Elizabeth Emmanuel avevano confezionato un secondo abito, di cui pochissimi sono a conoscenza.

“All’epoca volevamo assicurarci che il vestito fosse una sorpresa (…) Diana non l’ha nemmeno provato. Non ne abbiamo mai parlato”, spiega la designer.

“Volevamo essere sicuri di avere un piano B, lo era davvero solo per rassicurarci”, specifica.

L’abito ufficiale di Lady Diana era in perfetto stile anni 80, con maniche a sbuffo e ricamato con 10.000 perle e paillette.

Uno stile che oggi sarebbe inimmaginabile su Kate Middleton o Meghan Markle.

La principessa aveva scelto il suo vestito su un bozzetto, che poi venne distrutto per evitare che emergessero particolari.

Le guardie vigilavano davanti l’atelier per tenere lontani gli occhi dei più curiosi.

“Volevamo che fosse drammatica, in modo che tutti lo ricordassero. Volevamo che le persone fossero in lacrime per la sua bellezza”, spiega la stilista.

E così fu. Lady Diana ha scritto la storia degli abiti da sposa per il decennio successivo, così come la sua nuora mancata Kate ha fatto con il suo vestito firmato da Sarah Burton per Alexander McQueen.

Lady Diana è morta a Parigi il Parigi il 31 agosto 1997, vittima di un incidente stradale mentre era in macchina con il suo compagno dell’epoca, Dodi Al Fayed, anche lui morto in quell’occasione.

Due miliardi di persone guardarono o ascoltarono il funerale all’abbazia di Westminster il 6 settembre 1997 e migliaia furono i mazzi di fiori deposti alle porte di Buckingam Palace.