La dieta di Jessica Simpson, come ha perso 45 chili

Quale dieta ha seguito Jessica Simpson, come ha perso 45 chili

Jessica Simpson ha perso 45 chili grazie a una dieta rigorosa e a un costante allenamento. Dopo la nascita della sua terza figlia, Birdie May, è arrivata a pensare 108 chili. Dopo sei mesi è tornata a pesarne 63. Nessun miracolo: la cantante è stata seguita costantemente da un personal trainer, Harley Pasternak, e ha optato per un regime dietetico ferreo. 

Jessica e Harley non si sono prefissati un obiettivo specifico di perdita di peso. “Non lavoro mai con le bilance”, ha detto Pasternak, come si legge su WomenHealthMag. “Il mio lavoro con lei riguarda più le abitudini che ha creato e mantenuto. Ogni sera, prima di andare a letto, invia un’e-mail che mostra che ha raggiunto tutti e cinque i compiti, quindi andrà a letto sentendosi riuscita. Ha raggiunto il suo obiettivo, ha mangiato bene, ha equilibrato le sue responsabilità – così può andare a letto con un senso di soddisfazione, e questo è tutto. E come sottoprodotto di queste abitudini, ha perso 100 chili”.

Harley ha facilitato l’attività di Jessica Simpson lentamente, iniziando con 6.000 passi al giorno. “È una cosa da solitaria che lei può fare con i suoi figli”, ha detto. Lentamente, l’artista americana ha ricostruito i suoi soliti 12.000 passi. Ma l’allenamento non è tutto perché anche l’alimentazione sana è stata fondamentale. La cantante ha seguito la “Body Reset Diet” di Pasternak, che consente tre pasti e due spuntini al giorno. Ogni pasto include proteine, fibre e grassi, mentre gli spuntini sono una combinazione di proteine ​​e fibre o proteine ​​e grassi.

Ma anche l’atteggiamento di Jessica ha fatto la differenza. “Era così motivata e positiva. Diceva che il suo corpo non le apparteneva da un decennio. Non in modo negativo, in modo positivo: il suo corpo è stato designato per creare la vita e ora è di nuovo suo e lo renderà fantastico in un modo davvero divertente”.

Potrebbero interessarti anche...