Categorie
celebrity

Il figlio di Harry e Meghan è “Molto felice di avere una sorellina”

Meghan Markle e il principe Harry sono diventati genitori per la seconda volta e il loro primogenito, Archie, non potrebbe essere più eccitato per il suo nuovo ruolo di fratello maggiore.

Lilibet Diana è nata il 4 giugno scorso e Archie “è molto felice di avere una sorellina”, ha detto a People un portavoce della coppia.

“Hanno preparato Archie parlando molto della bambina. Però è troppo piccolo per capire”, aggiunge una fonte.

“È abbastanza grande però che ora sta iniziando anche ad avere la sua vita. Gli piacciono le attività prescolastiche e all’aperto. Passerà un’estate divertente”.

La fonte continua: “Anche Meghan e Harry si stanno prendendo una pausa per concentrarsi sulla loro famiglia”.

Meghan e Harry hanno usato il loro sito web della Fondazione Archewell per condividere un messaggio personale dopo aver condiviso la notizia dell’arrivo di Lili:

“Il 4 giugno, siamo stati benedetti con l’arrivo di nostra figlia, Lili. È più di quanto potessimo mai immaginato, e rimaniamo grati per l’amore e le preghiere che abbiamo sentito da tutto il mondo. Grazie per la vostra continua gentilezza e sostegno durante questo momento molto speciale per la nostra famiglia”.

Harry e Meghan, perché la scelta di chiamare la figlia Lilibet Diana.

La bimba si chiama Lili in onore della nonna, la regina Elisabetta, il cui soprannome in famiglia è Lilibeth. Il nome Diana, poi, è in onore della madre di Harry, Diana Spencer, principessa del Galles.

I richiami appaiono quanto mai suggestivi. Da un lato il secondogenito di Carlo e Diana e sua moglie mostrano di voler testimoniare affetto e rispetto nei confronti della sovrana, seppure forse non esattamente della Royal Family come istituzione vista l’indicazione del nomignolo di famiglia, quasi a onorare la bisnonna più che la monarca.

Dall’altro s’inchinano al ricordo di Lady D, “principessa del popolo” morta tragicamente 36enne nel 1997, la cui ribellione dalla vita di corte resta ad un tempo per Harry – il figlio di gran lunga più simile a lei – un monito, un modello e un trauma irrisolto, come confessato di recente.