Categorie
benessere

Semi nella dieta, prova questi 6 tipi

Per promuovere una buona salute dobbiamo portare avanti una dieta che preveda un buon apporto di carboidrati e minerali, proteine e vitamine, poi lipidi e liquidi.

Un regime alimentare che includa cereali integrali, legumi, verdura e frutta di stagione, sale marino non raffinato.

Poi oli non raffinati, frutta secca, alghe e fermenti, eliminando o limitando al minimo i prodotti raffinati. 

Ma anche i semi sono degli alimenti da prendere in considerazione nella dieta. Contengono fitosteroli che aiutano a combattere il colesterolo, ma anche antiossidanti.

Sono ricchi di grassi sani, riducono l’infiammazione e forniscono una grande quantità di vitamine e minerali.

Se si punta a un effetto lassativo, vanno mangiati interi o idratati preventivamente. In altri casi è meglio schiacciarli o macinarli per assorbire al meglio i nutrienti.

Non bisogna esagerare con le porzioni e per questo non andare oltre i due cucchiaini da dolce, sebbene è consigliabile decidere la quantità giusta con il proprio dietologo o nutrizionista.

I semi di zucca contengono Omega-3 e 6, vitamine A ed E, antiossidanti naturali, cucurbitina, un amminoacido che contribuisce alla normale salute della prostata. Sono anche una fonte di zinco.

I semi di canapa hanno un elevato contenuto di proteine ​​vegetali, amminoacidi essenziali, Omega-3 e 6, fibre che aiutano a rimanere sazi e a regolare il transito intestinale. Due aspetti fondamentali anche nella lotta ai chili di troppo.

I semi di lino hanno un alto contenuto di fibre solubili e insolubili che aiutano a regolare il transito intestinale.

Sono alimenti ricchi di acidi grassi essenziali Omega-3 e 6, ferro, calcio, fosforo e magnesio.

Altri semi da includere nella dieta.

I semi di chia sono la fonte vegetale con la più alta percentuale di acido grasso alfa linolenico, della famiglia degli Omega-3.

Hanno proteine ​​vegetali e un alto contenuto di fibre, più minerali, soprattutto calcio, fosforo e magnesio.

Contengono antiossidanti, come il selenio, la cui funzione è quella di proteggere le cellule dai radicali liberi e mantenere l’elasticità e il normale stato della pelle.

I semi di sesamo contengono calcio, vitamina E e vitamine del gruppo B, responsabili del normale funzionamento del sistema nervoso e del mantenimento del normale stato di unghie e capelli.

Sono una fonte di lecitina, un lipide che aiuta a diluire e digerire altri grassi, compreso l’LDL (il colesterolo cattivo).

I semi di girasole contengono Omega-6, un alto contenuto di potassio e magnesio, hanno alti livelli di fosforo e magnesio, vitamina E e calcio. Foto di Ulrike Leone da Pixabay.