Categorie
benessere

10 cibi che peggiorano l’aspetto della tua pelle

Una pelle sana non è il risultato solo dei trattamenti estetici, inclusi quelli più costosi. 

Anche se ci prendiamo cura della cute con creme, massaggi e peeling, per tenerla in forma bisogna fare attenzione a ciò che finisce sulla tavola.

Una dieta ricca di latticini, zuccheri, pasti frequenti nei fast food e alcol può avere un impatto negativo sulla pelle.

Pelle sana, i cibi nemici.

I carboidrati sono la benzina del corpo, ma vanno scelti tra quelli più complessi e integrali, limitando i prodotti preconfezionati e di origine industriale.

Una dieta troppo ricca di carboidrati semplici corrisponde ad una cute lassa, rilassata, poco densa dall’aspetto invecchiato.

Uno studio pubblicato sul Journal of the American Academy of  Dermatology sottolinea che il consumo regolare di grandi quantità di carne rossa è associato alla maggiore possibilità di avere rughe.

Anche i nitrati contenuti nelle carni lavorate possono danneggiare la pelle, provocando infiammazioni e rughe.

Basta bere uno o due drink alcolici con cadenza giornaliera per ‘cancellare’ parte dei benefici derivanti dal mangiare i cibi giusti.

Come si legge sul sito EatThisNotThat!, i cibi dolcificati artificialmente, come bibite e succhi, possono creare problemi alla pelle.

Anche i latticini vanno consumati con moderazione, soprattutto se si soffre di acne adolescenziale.

(Il latte di mandorla di alta qualità biologico può essere una buona alternativa, se però la bevanda vegetale contiene zuccheri aggiunti, non può considerarsi alleata della salute tout court).

Anche le polveri proteiche dal siero di latte consumate per esempio dai bodybuilder sono state associate a più sfoghi di acne.

Mettete da parte i cibi fritti industriali, cotti spesso in oli di scarsa qualità, che causano infiammazioni in tutto il corpo, pelle inclusa.

Sono anche ricchi di carboidrati raffinati, che remano in favore di una pelle invecchiata.

Cioccolato sì, ma a determinate condizioni.

La questione cioccolato è un po’ controversa. Quella che contiene zuccheri aggiunti è da evitare.

Ma quella fondente di alta qualità e con una quantità di cacao oltre l’85% è stata “assolto” e anzi consigliata perfino nelle diete.

Semaforo rosso invece per gli alimenti ad alto indice glicemico come dolci, pasticcini e torte.

Nota bene: questo articolo non è sostitutivo del parere medico o di quello del nutrizionista e ha solo uno scopo illustrativo. Foto di Natálie Šteyerová da Pixabay.