Categorie
benessere

Insonnia e spuntini notturni: quali scegliere per evitare sensi di colpa

Insonnia e stress sono due parole diventate onnipresenti nella vita di milioni di persone a causa del lockdown resosi necessario per la pandemia da Covid-19.

Se la fame ti rende ansiosa quando sei a letto, ci sono una serie di cibi che ti aiuteranno a evitare di cadere nella trappola degli spuntini notturni.

Spuntini notturni per evitare i sensi di colpa.

Prova con le carote, che grazie al loro contenuto di fibre hanno un effetto saziante. Richiede uno sforzo per essere mangiata e ti farà sentire rapidamente piena.

Via libera a uno yogurt bianco naturale come quello greco. Non è troppo calorico e calmerà la tua digestione.

La mela può contrastare l’appetito inviando al cervello un messaggio di sazietà. Inoltre contiene pectina, che è appunto una sostanza saziante.

Se proprio devi mangiare dei cereali, prova con quelli integrali, che ti garantiranno un effetto saziante e calmare l’ansia.

Di tutti i cereali, l’orzo è uno di quelli più soddisfacenti e contiene vitamine B1, B2, zinco, magnesio e fibre.

Mette nel frigo i cetrioli, che hanno un alto contenuto di acqua. Quindi è un diuretico e aiuta ad eliminare i liquidi, ideali la notte perché è in quel momento che vengono trattenuti più liquidi.

Se cercate un cibo alleato contro il vostro “craving” notturno, ricordate che il carciofo è un alimento alleato da mettere nel carrello. Combatte il gonfiore addominale, è povero di calorie, ricco di fibre e altamente digestivo.

Via libera all’anguria in estate. Il 90% di questo frutto è acqua e il resto è fibra, questo rende l’anguria un frutto molto saziante.

L’avocado è composto per il 73% da fibre e acqua. I suoi grassi sono insaturi, il che lo rende un alimento da considerare per uno spuntino notturno.

I danni psicologici della pandemia da Covid-19.

La crisi legata al Covid-19 sta mettendo a rischio il benessere mentale delle persone facendo sentire i suoi pesanti effetti a livello psicologico.

Insonnia, ma anche depressione e disturbi psichici sono le manifestazioni di quello che gli psichiatri definiscono il nuovo e dilagante ‘trauma da pandemia’. Foto in alto di Khusen Rustamov da Pixabay.