Categorie
benessere

5 sorprendenti benefici della frutta secca

Dopo anni e anni passati a demonizzare la frutta secca perché considerata un cibo ricco di grassi -che nella maggior parte dei casi è un grasso mono e polinsaturo, salutare per il cuore- questo alimento finalmente ottenuto giustizia. In effetti, la frutta secca è così carica di sostanze nutritive che potrebbe essere considerata l’integratore alimentare per eccellenza della natura. Ovviamente, se tostato in olio e sale, questo alimento diventa molto meno salutare. Ma, consumata correttamente al naturale, o in alcuni casi arrostite (vale a dire, castagne), la frutta secca offre una vasta gamma di benefici unici.

5 vantaggi sorprendenti della frutta a guscio

Promuove la salute e la circolazione del cuore

Arginina: Amminoacido prodotto dal corpo, l’arginina è coinvolta nella guarigione, nella crescita muscolare e nella salute dello sperma, grazie alla sua stimolazione della produzione di proteine. Ma forse è più conosciuta per prevenire l’accumulo arterioso espandendo i vasi sanguigni. Vale la pena notare: le arachidi non sono tecnicamente frutta a guscio, sono legumi. Opta sempre per le versioni al naturale, che sono sani e ricchi di nutrienti.
 Migliore fonte: arachidi.
 Secondo classificato: mandorle (0,75 g), noci (0,7 g), nocciole / nocciole (0,65 g – 178 calorie, circa 21 nocciole).

Omega-3: Gli Omega-3 sono acidi grassi essenziali polinsaturi e frutta secca ne contiene la forma alfa-linolenica (ALA). I vantaggi includono una diminuzione dei livelli di LDL (colesterolo cattivo), un aumento dei livelli di HDL (colesterolo buono) e un possibile rischio ridotto di infarto.
 Migliore fonte: noci.
 Secondo classificato: noci pecan (20% RDA), pistacchi (5% RDA), noci di macadamia (4% RDA).

Ferro: Questa fonte minerale è fondamentale per la produzione dei globuli rossi, le unità di trasporto dell’ossigeno in tutto il corpo. Le assunzioni raccomandate per uomini e donne variano, ma una manciata di anacardi fornisce rispettivamente circa il 25% e l’11% della RDA.
 Miglior fonte: anacardi.
 Secondo posto: nocciole (1,4 mg), arachidi (1,4 mg), pistacchi (1,3 mg).

Aiuta a preservare le funzioni cerebrali e mentali

Folato: Questa vitamina B svolge un ruolo chiave nell’abbassare l’omocisteina, un amminoacido associato a condizioni come malattie cardiache, morbo di Alzheimer e demenza. Bassi livelli di folato sono stati anche collegati a depressione, anemia e persino perdita di capelli.
 Migliore fonte: arachidi.
 Secondo posto: nocciole, noci, pistacchi.

Magnesio: Il magnesio svolge un ruolo essenziale in più di 300 reazioni chimiche nel corpo, compresa la corretta digestione, la funzione cardiaca e circolatoria e la crescita e il mantenimento delle ossa. Sembra essere anche un valido aiuto nella conservazione della memoria.
 Migliore fonte: noci del Brasile.
Secondo posto: anacardi (88 mg), mandorle (81 mg), arachidi (50 mg).

La frutta secca promuove la vista e la salute degli occhi

Vitamina A (beta-carotene). La forma non animale della vitamina A che conferisce alle piante il loro colore è implicata nel rallentamento della degenerazione maculare, nella limitazione della sensibilità al sole e nell’abbassamento del rischio di malattie cardiache. I pistacchi ne sono particolarmente ricchi, fornendo il 14% per porzione.
 Migliore fonte: pistacchi.
 Secondo posto: noci pecan (17 mcg), noci (6 mcg), nocciole (6 mcg).

Luteina e zeaxantina. Questi due antiossidanti svolgono un ruolo importante nel ridurre il rischio di malattie oculari croniche, inclusa la degenerazione maculare e la cataratta, filtrando le dannose lunghezze d’onda della luce blu ad alta energia.
 Migliore fonte: pistacchi.
 Secondo posto: non c’è. I pistacchi sono l’unica noce contenente luteina e zeaxantina in quantità significative.

La frutta secca auta a regolare il peso e il metabolismo

La frutta secca è una fonte fantastica di di proteine vegetali, importanti per le diete vegane e vegetariane. Secondo la Harvard School of Public Health, mangiare noci invece di carne rossa una volta al giorno può ridurre il rischio di diabete di tipo 2 dal 16 al 35%.
 Migliore fonte: arachidi.
 Secondo classificato: mandorle (6,3 g), pistacchi (6 g), anacardi (5,4 g).

Fibra. La fibra e il contenuto energetico presente nella frutta secca la rendono un alimento che aiuta a sentirci più sazi più a lungo. Le castagne sono di gran lunga quelle che hanno minor percentuale di grassi e calorie rispetto a tutta la frutta secca.
 Migliore fonte: castagne.
 Secondo classificato: mandorle (3,75 g di fibre / 174 calorie), pistacchi (3 g di fibre / 169 calorie), arachidi (2,5 g di fibre / 170 calorie).

Vitamina E. Esistono otto forme di questo antiossidante, ma quella che si trova nella frutta secca è della varietà alfa-tocoferolo. Diversi studi suggeriscono che aiuta nella prevenzione del diabete di tipo 1 e 2 e nel trattamento della malattia del fegato grasso.
 Migliore fonte: mandorle.
 Secondo posto: nocciole (4,5 mg / 30% RDA), arachidi (2,5 mg / 17% RDA) , Noci del Brasile (1,8 mg / 12% RDA).

Aiuta a rafforzare l’immunità

Zinco: La quantità complessiva di questo minerale presente nel corpo è nominale, ma è vitale per l’immunità, influisce sui linfociti T e su altre funzioni delle cellule immunitarie. Inoltre, aiuta a combattere gli agenti patogeni.
 Migliore fonte: anacardi.
 Secondo posto: noci pecan (1,4 mg/13% RDA), noci del Brasile (1,2 mg/11% RDA), arachidi (1 mg / 9% RDA).

Vitamina B6 (piridossina). Importante per mantenere gli ormoni equilibrati e sani. La carenza di questa vitamina è associata a una compromessa risposta immunitaria. Una porzione di pistacchi contiene il 40% della RDA per un adulto medio.
 Migliore fonte: pistacchi.
 Secondo posto: nocciole (13% RDA), noci (12% RDA), anacardi (10% RDA).

Leggi anche: Diabete, la frutta secca si può mangiare? Le risposte del diabetologo