bellezza

Zucchero, carne rossa, sale: quali alimenti danneggiano di più la tua pelle

Carne rossa zucchero cosa fa male pelle

La pelle è un organo importantissimo e ciò che mangiamo può avere un impatto sulla sua salute.

Se la nostra alimentazione è malsana o squilibrata, nel nostro flusso sanguigno vengono rilasciate tossine che possono causare infiammazioni nel corpo.

Per questo è importante controllare ciò che finisce sulla nostra tavola, scegliendo gli ingredienti più salutari.

Non divieti assoluti, ma moderazione. Questa è la parola chiave.

Quali alimenti danneggiano di più la nostra pelle.

Il consumo di latte è stato collegato a un aumento di un ormone, che è correlato all’aumento della produzione di sebo e, quindi, anche all’acne.

Gli zuccheri aggiunti, per quanto facciano gola, non sono alleati della pelle.

Lo zucchero non solo fa male nei modi che sappiamo (ingrassa, causa il diabete), ma è responsabile anche delle rughe perché si va a legare in modo tossico alle proteine strutturali che danno elasticità alla cute, in primis collagene ed elastina.

Così facendo gli zuccheri che ingeriamo da junk food e bibite fanno perdere elasticità e tono alla pelle, solcandola di rughe.

Se vuoi avere una pelle radiosa, metti da parte l’alcol, che riduce anche la produzione di collagene, in modo che si perda la lucentezza, l’elasticità e la compattezza della cute.

Il grassi trans presenti nel cibo spazzatura peggiorano l’ossigenazione della pelle e aumentano la ritenzione di liquidi.

I grassi ‘buoni’ sono invece necessari e preziosi e indispensabili per l’integrità della carriera cutanea.

Specialmente gli omega 3 e 6 che migliorano sia l’idratazione che l’elasticità della cute.

Meglio il pane integrale di quello bianco. Quest’ultimo ha un alto indice glicemico, che favorisce l’infiammazione della pelle.

L’eccesso di carne rossa può causare un aumento delle proteine ​​totali nel sangue e, quindi, edema facciale, disidratazione cellulare con sintomi di pelle spenta, rughe più marcate e mancanza di elasticità.