Categorie
bellezza

Capelli danneggiati: 5 oli che restituiscono splendore

Avere capelli danneggiati è abbastanza comune in questo periodo dell’anno. 

In autunno subiamo già la caduta tipica della stagione, ma spesso la chioma ha risentito dei danni del sole in estate.

La soluzione più ovvia sarebbe quella di dare un bel taglio alle nemiche doppie punte.

Non sempre però si procede con un taglio riparatore e per questo bisogna nutrire molto i capelli con maschere e oli di qualità.

I migliori oli per capelli danneggiati.

Uno dei prodotti che abbiamo avuto modo di testare sulle nostre lunghezze e che ha dato risultati a dir poco fantastici è Kérastase Elixir Ultime L’Huile Originale, arricchito con olio di marula.

Questo alleato di bellezza è infuso con una combinazione di profumi floreali con foglia di violetta, fresia e mandarino. Offre idratazione e splendore immediati. Senza dubbio un must have.

Altro olio molto valido, dalla texture più leggere, è Sp Wella Luxe Oil, elisir ricostruttivo contenente oli pregiati, che trasformano la capigliatura senza appesantirla, rinforzandola e preservandone l’idratazione. Anche Meghan Markle lo usa!

Altro prodotto denso e soprattutto profumatissimo è Orovivo di Biopoint, che contiene olio di argan, olio di cipero e olio di semi di lino. Se volete che i vostri capelli lascino la scia quando camminate questo fa al caso vostro.

Il Moroccanoil treatment è un altro must have, ripristina e ridà vita ai capelli danneggiati da sostanze chimiche presenti negli shampoo, da processi di colorazione e permanente, dai fattori ambientali e dal calore.

Olaplex Bonding Oil n°7 è un ulteriore olio che potete provare se volete migliorare la vostra chioma. Ripara, rinforza e idrata tutti i tipi di capelli, proteggendoli dalle alte temperature degli strumenti a caldo durante lo styling.

Ha una formula con ingredienti di origine naturale e si prende cura dei capelli prima e dopo l’asciugatura. Se siete già fan della linea, potete provare anche questa chicca di bellezza.

Foto di Engin Akyurt da Pixabay.