Più donne dirigenti in Bce: nel 2019 il 35%. Nominata Daniele Nouy

Più donne dirigenti in Bce. Draghi: “Entro il 2019 saranno il 35%”

STRASBURGO – Una Banca centrale europea più femminile: è quella che chiede il presidente Mario Draghi. E fissa un obiettivo: entro il 2019 più di un terzo delle posizioni dirigenziali dell’istituto di Francoforte dovrà essere ricoperto da donne.

Attualmente la Bce ha il 17% di donne nelle posizioni apicali, ma nel luglio scorso il Comitato esecutivo “si è dato un obiettivo di genere, di arrivare al 35% entro il 2019″, ha ricordato l’ex banchiere centrale italiano, precisando che “non è una promessa vuota”.

Draghi si è anche congratulato per la nomina della francese Daniele Nouy a capo del Board di supervisione unica, confermata dal Parlamento europeo.

La seduta plenaria del Parlamento europeo ha, infatti, approvato a larghissima maggioranza (con 550 sì, 50 no e 52 astenuti) la nomina della francese Nouy a presidente del nuovo Consiglio di vigilanza sul sistema bancario europeo.

L’economista francese, 63 anni, è un’esperta di regolamentazione bancaria, alla quale ha dedicato la sua carriera nella Banca di Francia. E’ stata designata dalla Bce il 20 novembre scorso e la sua nomina era stata approvata il 5 dicembre dalla Commissione per gli affari economici praticamente all’unanimità.

La supervisione unica della Bce è il primo pilastro dell‘Unione bancaria ed è previsto che la piena operatività partirà a novembre 2014.

(Nella foto, Daniele Nouy)

Potrebbero interessarti anche...