Categorie
attualità

Pasqua ortodossa, dove vedere le celebrazioni in streaming

Oggi si celebra la Pasqua ortodossa: oltre 260 milioni di cristiani ortodossi nel mondo celebrano la Pasqua che, come è accaduto con la Pasqua dei cristiani cattolici e protestanti, a causa della pandemia da Coronavirus verrà celebrata tra chiese vuote e celebrazioni ridotte al minimo.

Nonostante Europa Orientale ed Ex Unione Sovietica, le regioni con più fedeli ortodossi, contino un numero relativamente basso di contagi da Coronavirus, infatti, i capi della Chiesa ortodosso hanno chiesto ai fedeli di rimanere a casa, anche per i tradizionali riti di mezzanotte.

In Russia, anche il presidente Vladimir Putin non parteciperà alla celebrazione pasquale e limiterà la sua presenza alla cappella nel parco della sua residenza fuori Mosca. Sempre a Mosca, le chiese si sono organizzate con trasmissioni in streaming e in televisione per i fedeli. In Romania le chiese sono chiuse, ma volontari e sacerdoti si recheranno nelle case a distribuire pane consacrato.

In un Santo Sepolcro quasi deserto, una decina di esponenti del clero ortodosso ammessi all’interno – alcuni con mascherine nere sul volto – hanno partecipato ieri sera all’attesissima cerimonia della Pasqua ortodossa che vede il Patriarca greco ortodosso di Gerusalemme pregare reggendo la lampada tenuta accesa tutto l’anno, ma spenta e riaccesa per l’occasione. Così, vuole la tradizione, il Fuoco sacro scende dal cielo e i fedeli attingendo da quella fiamma accendono le loro candele. Quest’anno niente fedeli, ma le fiammelle accese dal Fuoco sacro sono sate portate all’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv e spedite via aereo nei Paesi dove più numerosa è la comunità dei cristiani ortodossi: Russia, Grecia, Ucraina, Georgia, Romania, Moldavia, Bielorussia, Cipro, Polonia, Kazakistan.

Se vi siete persi la veglia e le celebrazioni della Pasqua Ortodossa, il sito l’Arena offre lo streaming di moltissime funzioni, anche in diretta. Per esempio, è online la diretta del vespro che ha dato il via, ieri alle 23, alle celebrazioni della Pasqua ortodossa con padre Gabriel Condrea, dentro le mura della chiesa realizzata nei pressi della stazione di porta Nuova, in questo edificio non ancora completato, assieme al suo accolito e a qualche cantore, per assistere alla funzione religiosa.