Omosessuali: per la Asl soggetti da curare?