Categorie
attualità

Michelle Obama litiga con attivista lesbica: “Mi ascolti o parli lei, ma allora me ne vado”

WASHINGTON – Chiariamo subito, la questione è delicata. Primo perché i protagonisti sono di quelli che non passano di certo inosservati e secondo perché l’argomento è spinoso.

Il luogo in cui si è verificato l’increscioso inconveniente è una casa privata di Washington, al microfono vi era niente meno che Michelle Obama, moglie del Presidente americano Barack mentre sotto il palco, tra i tanti, vi era Ellen Sturtz, 56 anni, attivista lesbica del gruppo “getEqual”.

Il fatto è che sono anni che gli attivisti gay chiedono a Barack Obama di firmare un famoso decreto contro le discriminazioni di genere sul lavoro. Più o meno dal 2008. Evidentemente l’attivista gay, dopo tanto tempo, non ci ha visto più e durante la cena per raccolta fondi ha interrotto il discorso di Michelle Obama fino a che la First Lady non è sbottata: “Guardate, una delle cose che non so fare è andare avanti così“, ha detto abbandonando il palco per affrontare viso a viso la contestatrice: “O mi ascolti o puoi prendere tu il microfono e io me ne vado“.

Insomma, anche la First Lady ha avuto “l’onore” di vivere l’esperienza della contestazione.

Durante la cena Michelle stava parlando dell’istruzione dei bambini americani e l’attivista gay si è alzata urlando tra il pubblico, chiedendo che fosse firmato il famoso decreto contro le discriminazioni di genere. Dopo qualche secondo Michelle ha replicato all’attivista: “Guardate, una delle cose che non so fare è andare avanti cosi”.

Secondo le fonti, non vi è alcun video dell’episodio ma esiste un audio un po’ confuso.

Una volta scesa dal palco, Michelle si è rivolta alla platea: “Decidete voi, delle due l’una” riferendosi alla contestatrice.

La donna è stata poi accompagnata fuori dalla sala, ma mentre usciva ha urlato: “Sono solo una lesbica in cerca di uguaglianza di fronte alla legge prima che io muoia“.

Tuttavia la donna è stata poi intervistata al Washington Post esprimendo tutto il suo disappunto per la reazione di Michelle Obama: “Ho solo chiesto che il marito firmasse un decreto. E lei invece mi è venuta contro. E poi sono stata cacciata” ha detto.

Insomma, la questione è delicata. Tanto più che Ellen Sturtz è esponente di un gruppo che durante le elezioni presidenziali del 2008 è stato molto vicino a Barack Obama, versando addirittura 5000 dollari a favore del Presidente. Anche nel 2012 i gruppi gay hanno dato grande sostegno a Barack Obama, il quale spesso si è detto favorevole delle nozze gay.

Tuttavia sono anni che gli attivisti gay chiedono invano al Presidente di firmare quel famoso decreto invocato dalla Sturtz e già nel 2008 Obama si impegnò a mettere “nero su bianco” un testo per lo specifico tema delle discriminazioni di genere sul lavoro. Impegno che, fino ad ora, ancora non è stato mantenuto.

2 risposte su “Michelle Obama litiga con attivista lesbica: “Mi ascolti o parli lei, ma allora me ne vado””

io penso solo che , anzi io direi il massimo rispetto per le lesbiche , per i gay , ecc…., ma per governare un presidentenon deve essere una donna per tale responsabilità ed altro , non deve essere sporco di anima o di corpo chiunque esso sia , o meglio mi spiego non deve usare sostanze , non deve esercitare altre pratiche ma per un interesse collettivo dei popoli come un vero sacerdote !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.